Tennis: Djokovic colpisce una giudice con la pallina: squalificato, si scusa

Tennis: Djokovic colpisce una giudice con la pallina: squalificato, si scusa

Addio 18° Slam. La corsa che pareva inarrestabile di Novak Djokovic agli US Open è interrotta per una squalifica rimediata dal numero 1 mondiale del tennis nel suo ottavo di finale contro lo spagnolo spagnolo Pablo Carreno Busta. Djokovic, nervoso per aver perso un game ed essere finito sotto 5-6 nel primo set, lancia schiaffeggia una pallina che (sfortunatamente, va detto) colpisce nella trachea una giudice di linea. La donna cade a terra tenendosi la gola e dopo minuti di discussioni viene squalificato, come prevede il regolamento. Anche se non c’è evidente volontarietà.

«Questa situazione mi lascia triste e vuoto, mi scuso con il torneo e con tutti voi – affida così Novak Djokovic a Istagram il suo commento -. Mi sono informato sulle condizioni della giudice di linea e mi hanno detto che grazie a Dio sta bene. Mi dispiace moltissimo di averle causato tutto questo. E’ stato così involontario e così sbagliato. Devo lavorare sulla mia delusione, trasformarla in una lezione per la mia crescita come giocatore e come uomo».

Il campione serbo quest’anno è stato già al centro delle polemiche per aver organizzato un torneo esibizione in piena emergenza Covid senza distanziamento, che per altro è costato la positività al Coronavirus anche a lui e sua moglie. E nei giorni scorsi per aver fondato un nuovo sindacato di tutela dei giocatori, inviso all’Atp.

Agli US Open, giocati con molti forfeit ed estrema incertezza per la situazione sanitaria negli Stati Uniti e in particolare a New York, avrà quindi comunque vada un inedito vincitore di Slam. Con Rafa Nadal rimasto in Spagna e Roger Federer ancora fermo per l’infortunio al ginocchio, l’ultimo re dei grandi tornei in lizza era proprio Djokovic.


Veglio vini