Lo sport in gravidanza protegge anche la salute del bambino

Lo sport in gravidanza protegge anche la salute del bambino

Le donne che praticano sport in gravidanza riducono nei figli il rischio di avere diabete, obesità e malattie cardiache. Una protezione che si trasmette sul lungo termine tramite il latte materno. Lo certifica uno studio realizzato in America dal Wexner Medical Center e dal College of Medicine dell’Ohio State University, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature Metabolism. Un campione di 150 donne in gravidanza ha dimostrato che nel latte delle mamme sportive c’è una maggiore concentrazione di 3sl, fondamentale per la salute dei piccoli.

«L’aumento del 3sl non è necessariamente correlato all’intensità dell’esercizio, quindi anche un esercizio moderato come una camminata giornaliera è sufficiente per raccoglierne i benefici – spiega

Kristin Stanford, docente di fisiologia e biologia cellulare che ha condotto la ricerca -. Questo oligosaccaride del latte umano ha avuto un impatto significativo sulla prole sana. Essere in grado di aggiungerlo potrebbe fornire benefici ai bambini quando le donne non sono in grado di allattare al seno».

Lo studio è iniziato utilizzando cavie, che hanno dato gli stessi risultati. I topi nati da madri sedentarie nutriti con latte di madri attive durante la gravidanza hanno avuto benefici.

Uno stimolo per tutte le donne in gravidanza. Anche per quelle che temano che lo sport possa avere ripercussioni negative sul feto. Niente di più sbagliato. Lo sport è sempre consigliato, basta scegliere attività adatte a una donna che aspetta un bambino: camminate all’aria aperta, esercizi semplici per le braccia o le gambe. Insomma, mantenere il corpo tonico fa bene alla mamma, sia fisicamente e che psicologicamente, e anche al bambino.


Veglio vini