Gianluca Grignani torna sul suo tremendo passato: “Non lo perdonerò mai”

Gianluca Grignani torna sul suo tremendo passato: “Non lo perdonerò mai”


play Ascolta questo articolo

Gianluca Grignani, nei suoi testi, lascia percepire sempre una vena piuttosto tormentata. Anche se non si sa da cosa, precisamente. Gli artisti che fanno percepire il loro dolore attraverso la musica, sono tanti. Questo, in quanto è senza dubbio un tratto distintivo per qualsiasi artista.

Infatti, fare di necessità virtù risulta essere sicuramente una qualità degna di nota. La quale risulta molto utile anche e soprattutto per coloro che fanno musica di un certo tipo, e con certi contenuti. Tuttavia, è doveroso anche scavare a fondo, sia per curiosità personale che per motivi più “seri”.

Non che la curiosità non lo sia, ma non potrà mai essere definito un pretesto forte. Andare a fondo laddove gli artisti magari lasciano spazio, è forse uno dei doveri più autentici da parte degli spettatori. E questo, è senza ombra di dubbio un qualcosa di innegabile.

Molto spesso, scavando a fondo, si possono anche cogliere dei significati di norma molto difficili da trovare. Quindi, è uno sforzo la cui fatica ne vale sicuramente la pena. Soprattutto in un caso come questo, dove purtroppo l’avvenimento che si andrà a descrivere è una vicenda sicuramente molto delicata. Ma come sempre, è bene andare con il giusto ordine.

Chi è Gianluca Grignani?

Gianluca Grignani, è un cantautore e produttore discografico italiano. Con una carriera durata oltre 20 anni, è sicuramente una delle principali figure musicali di riferimento presenti qui in Italia. Tuttavia, il suo encomiabile operato ha raggiunto anche le vette internazionali, rendendosi dunque famoso anche e soprattutto in numerose sedi estere.

Il grande merito che gli viene riconosciuto a reti unificate, è sicuramente quello di aver portato alla ribalta un genere che col tempo non era stato capace di rinnovarsi a dovere. E questa, è stata senza ombra di dubbio una caduta di stile. Della quale il cantante citato ha saputo fare necessità, appunto.

Età cantautore

L’età del cantautore protagonista di questo articolo, corrisponde ad un numero di 49 anni. Nonostante la sua età molto giovane, si parla di Grignani come un vero e proprio elemento di punta della musica italiana. Questo, in quanto sulle sue spalle porta con sé il peso di oltre 25 anni di carriera.

Un lasso di tempo a dir poco sensazionale, durante il quale ha pubblicato successi su successi, rendendosi protagonista anche di molte hit musicali in voga ancora oggi. Per coloro che fanno le cose bene, d’altro canto, il tempo sembra non passare mai.

Gianluca Grignani moglie

La moglie di Gianluca Grignani, stando a ciò che si legge su internet, risulta essere Francesca Dall’Olio. La moglie, fotografa, si è sposata con il noto cantautore nel 2003, e ancora oggi conservano il loro amore nel migliore dei modi. Nonostante tutto e nonostante tutti i tormenti, di cui avremo modo di parlare a breve.

Questo estro creativo collocato a metà tra amore e tormento, è ciò che scaturisce da tutti i testi di questo artista. Dunque, non è un caso il fatto che il grado di apprezzamento mostrato nei suoi confronti sia davvero alto.

Il tormento dell’artista

Il tormento del noto artista, è stato rivelato presso un’intervista apparsa in televisione qualche tempo fa, in un periodo non ben precisato. Il cantante, ha infatti ammesso di aver subito degli abusi nel corso della sua età infantile. Questa cosa sembrava averlo segnato parecchio, a tal punto che ancora oggi sembra viverne le conseguenze.

Un atto a dir poco spregevole, della quale è stato vittima ormai tempo fa. Ma nonostante sia trascorso molto tempo, la ferita in questione sembrerebbe corrispondere ad uno squarcio ancora fin troppo visibile. E questo, sembra essersi riflesso in un certo senso anche sulla sua musica.

Gianluca Grignani sul suo molestatore: “Non lo perdonerò mai”

Quanto emerso dall’intervista presa in esame, è che Gianluca Grignani probabilmente non riuscirà mai più a perdonare il suo molestatore. Essendo questo un trauma troppo forte, il rancore che l’artista ha in serbo sembra essere un fattore ancora oggi in grado di esercitare un certo dominio.

Dalle parole dell’artista, nel corso del dialogo avvenuto con l’intervistatore, traspare ovviamente una grande amarezza per il torto subito. Con un desiderio di libertà che forse, purtroppo per lui, sarà molto difficile – se non impossibile – da soddisfare nel pieno delle possibilità.