Don Gianni Bekiaris: ecco chi è, dove si trova e come sta oggi

Don Gianni Bekiaris: ecco chi è, dove si trova e come sta oggi

Don Gianni Bekiaris, chi è e come sta oggi

La cronaca locale, ormai parecchi anni fa, arrivò a trattare un caso piuttosto infelice: quello riguardante Don Gianni Bekiaris. La vicenda che ha visto il parroco come protagonista, è infatti uno dei fatti di cronaca più cupi della storia recente. Recente per modo di dire, visto e considerato il fatto che questo terribile scenario è accaduto oramai parecchi anni fa.

Ma la memoria che se ne conserva ancora oggi, permette di poter ricostruire quello che è un quadro più ampio di ciò che è accaduto. Ad aiutarci in questo difficile compito, vi sono numerose testate di riferimento.

Stando a quanto la redazione ha riportato sul sito ufficiale de il giornale, la figura di Bekiaris si rese protagonista infelice di un abuso su minore. In tutta la comunità cattolica, questo caso è stato capace di generare un certo malcontento, facendo sì che tutti i colleghi e gli appartenenti al settore ne prendessero le distanze. Per ovvi motivi, dopotutto.

Come vedremo in qualche paragrafo più avanti, la vicenda ha avuto degli sviluppi recenti. Sviluppi che, considerando ciò che mostrano ed evidenziano, vanno sicuramente citati con una maggiore introspezione.

Ebbene, nel corso di questo articolo parleremo in maniera approfondita della vicenda in questione, e del personaggio principale che la riguarda.

Don Gianni Bekiaris, chi è e cosa fa

Come detto in precedenza, la figura di Don Gianni Bekiaris è tristemente nota al pubblico per un fatto di cronaca di grave entità. Nonostante sia trascorso parecchio tempo dall’accaduto, alcuni ancora oggi se ne ricordano in maniera limpida.

In seguito all’abuso messo in atto nei confronti di un cittadino minore, le prove per gli estremi legali sono state tante, e tutte a sfavore del parroco per ovvi motivi. Ma quello che è il contesto attuale, vede un fatto che in pochi si sarebbero mai aspettati.

Il reato in questione, poiché di questo si tratta, sembra infatti essere caduto in prescrizione. Questo, nonostante tutte le prove a disposizione, oltre alle chiare testimonianze di un trauma al quale si potrà porre rimedio con non poche difficoltà. Ammesso che sia possibile, naturalmente.

A causa di un processo durato ben 12 anni, il reato in questione si è dunque concluso con il mancato carcere per il parroco che ha commesso questo gesto imperdonabile. I quotidiani che ne hanno parlato sono numerosi, e sono stati tutti (per ovvie motivazioni) dello stesso avviso. L’epilogo di Bekiaris, allo stato attuale, è quello di essere un uomo libero.

Età e lavoro parroco

Come specificato nel paragrafo visto in precedenza, il reato commesso da Don Gianni Bekiaris è finito in prescrizione. Dunque, non ci sarà alcuna pena per ciò che ha commesso.

Ciò detto, le informazioni riguardanti la vita privata del parroco sono veramente poche, salvo quelle di cronaca che sono state proposte su numerosi siti web e quotidiani di attualità. Ma a parte questo, non vi sono chissà quante testimonianze reperibili in giro per la rete.

Sappiamo solamente che, appunto, è un parroco, e che la sua età sia anche abbastanza anziana. Considerando il fatto che la vecchiaia fosse già un fattore presente nel lontano 2005, anno in cui è successo il fatto grave, a distanza di oltre 15 anni la situazione è nettamente “peggiorata”.

Le uniche testimonianze, purtroppo, le si hanno anche da altre vittime del parroco, il quale sembra aver commesso certi abusi in maniera anche piuttosto reiterata nel corso del tempo. Ma per quanto riguarda il resto, non si hanno grosse certezze.

Le persone vicine alla figura del parroco, lo hanno tuttavia descritto come una persona piuttosto sinistra, benché poco sospettabile (fino ad allora). Nel prossimo paragrafo, cercheremo di capire cosa faccia ora e dove si trovi in questo periodo storico.

Don Bekiaris come sta oggi

La figura di Don Gianni Bekiaris, è stata ampiamente contestata da tutta quanta l’opinione pubblica. In effetti, quanto commesso dall’uomo non è certamente un qualcosa di lodevole.

Non a caso, i cittadini che hanno chiesto giustizia a riguardo sono stati numerosi, e con toni anche abbastanza accesi. Questo, poiché l’opinione pubblica si schiera sempre dalla parte della vittima, e in casi simili questo comportamento è sacrosanto.

Considerando l’assoluta sensibilità del pubblico, non era affatto difficile da pronosticare che la stragrande maggioranza della popolazione prendesse le piene difese della vittima di cui si parla.

Detto ciò, allo stato attuale non si sa granché riguardo Gianni Bekiaris. Di lui, a livello di cronaca, si sa solamente che ha evitato quello che sarebbe potuto divenire un lungo periodo di reclusione carceraria.

Ma come detto nei paragrafi che abbiamo visto in precedenza, il grave reato da lui commesso è terminato con una prescrizione, scongiurando di fatto ogni ipotesi relativa a pene detentive o chissà cosa.

I provvedimenti in tal senso inizialmente vennero presi, con un processo durato oltre 10 anni. Tuttavia, benché le prove a disposizione fossero tante per poterlo incastrare e decretare la sua colpevolezza, secondo il sito de il giornale il reato è caduto in prescrizione.

Un fatto di cronaca tendenzialmente abbastanza grave, se si considera il fatto che la legge stavolta non ha sortito chissà quale effetto col suo intervento. Si spera che non riaccada nulla di simile, naturalmente. Specie se le premesse sono queste, in merito a sviluppi della vicenda e relative conseguenze finali.

La figura di Don Gianni Bekiaris, in sostanza, è stata sicuramente molto controversa a livelli di cronaca. Si spera che sia un monito per evitare che riaccadano certe cose.

Lascia un commento


Veglio vini