Contratti autoferrotranvieri: parametri e stipendio

Contratti autoferrotranvieri: parametri e stipendio

Nei contratti autoferrotranvieri di mobilità TPL il personale è classificato per livelli che indicano i parametri retributivi. Si tratta di una suddivisione per mansioni e declaratorie che sono disciplinate con la descrizione relativa al rispettivo parametro di stipendio. Il parametro del CCNL autoferrotranvieri è un sistema che funziona a passaggi di livello e per i quali sono via via previste mansioni e livelli di buste paga.

Il parametro autoferrotranvieri è l’equivalente numerico dello stipendio della busta paga mensile. Esso è chiamato anche parametro retributivo del personale e dipende dai livelli di inquadramento e dalla declaratoria rispetto al contratto nazionale autoferrotranvieri del Trasporto Pubblico Locale, ovvero TPL.

metropolitana

Classificazioni e parametri retributivi

Essendo un contratto collettivo di Mobilità TPL esso è classificabile su livelli di inquadramento. Da questi dipende a quanto ammonta la paga e quali sono le eventuali indennità spettanti. Queste informazioni sono riportate nelle tabelle del contratto collettivo e sono importanti a capire ad un lavoratore se la sua busta paga è inserita nel corretto inquadramento contrattuale ma non solo. In base a queste informazioni il lavoratore potrà capire se ci sono mansioni che può e che non può svolgere oltre a fare chiarezza sull’effettivo ammontare del suo parametro retributivo.

autoferrotranviere

Per alcune categorie di lavoratori è previsto un parametro retributivo più alto dopo un tot di anni di servizio. Questa situazione si identifica come un passaggio di parametro ed un passaggio di livello, come previsto dal contratto collettivo nazionale. Per gli autoferrotranvieri il passaggio è previsto per gli Operatori di Esercizio, i Capo Treno, i Macchinisti e altre categorie affini.

Declaratorie e aree di inquadramento

La declaratoria del contratto, quindi, definisce la tipologia di mansione rispetto al livello di inquadramento e queste sono suddivise in quattro grandi aree. Per individuare la declaratoria di interesse, quini, occorre prima conoscere l’area professionale di occupazione.

Quanto alle aree queste sono ordinate per numeri ordinali, ovvero prima, seconda, terza, e quarta. La prima da riferimento alle mansioni gestionali e professionali. La seconda riguarda le mansioni di coordinamento e quelle specialistiche. La terza area riguarda le mansioni operative mentre la quarta fa riferimento alle mansioni generiche. Per ognuna di queste aree troverai parametri, livelli, declaratorie e mansioni. Questo significa che potrebbero certamente verificarsi inquadramenti dove vi è lo stesso parametro retributivo ma per lavoratori appartenenti ad aree diverse.

Area esercizio e CCNL

C’è poi da considerare l’area esercizio che è suddivisa a sua volta in automobilistico, filoviario e tranviario, ferroviario e metropolitani, navigazione lacuale, navigazione lagunare, funivie portuali e funicolari terrestri ed aeree. Recapitolando i contratti autoferrotranvieri sono caratterizzati da declaratoria, livello, parametro e mansione. Conoscere queste informazioni è importante per tutelare i propri diritti di lavoratore ed ottemperare agli oneri che ne derivano. Per visionare le tabelle di inquadramento basta cercare il sito web del contratto collettivo nazionale e visualizzare le informazioni di interesse.