Cantanti italiani morti: tutti i nomi indimenticabili

Cantanti italiani morti: tutti i nomi indimenticabili

L’annata del 2021, oltre che per via dell’emergenza attualmente in corso, è stata anche motivo di una vera e propria cerchia di cantanti italiani morti. Un anno che, per il momento, ha un bilancio fortemente negativo nella felicità delle persone altrui.

Infatti, le soddisfazioni sportive sono state un motivo di grande gioia e soddisfazione per numerosi cittadini italiani (e non). Tuttavia, ciò non basta sicuramente a far rimarginare quella che si può definire una vera e propria ferita aperta.

Le morti di personaggi famosi facenti parte del mondo dello spettacolo, sono state tante. Per un motivo o per un altro, alcune persone sono arrivate purtroppo al termine del loro ciclo vitale. Ciò, passando dai fan accaniti per i fan più occasionali, ha lasciato dei veri e propri vuoti incolmabili.

La caduta di una certezza, o la scomparsa del proprio idolo del passato e del presente, è un accaduto che può suscitare tanta tristezza nelle persone più fragili. E in un periodo simile, volenti o nolenti, siamo tutti fragili chi più chi meno.

A scopo puramente celebrativo, in questo articolo, vogliamo commemorare quelle che sono state le morti più di impatto nel corso del 2021, citando anche altre annate. Sperando che, a distanza di parecchi mesi dalla fine dell’anno, questa difficile annata non ci riservi altre spiacevoli sorprese.

Cantanti italiani morti giovani

Tra i principali cantanti italiani che hanno avuto lo spiacevole destino di andarsene in maniera prematura, vi sono tanti nomi pienamente meritevoli di essere approfonditi. Uno di questi, per esempio, è Alex Baroni.

Nato nel capoluogo lombardo nel 1966, è morto nel 2002. Dopo vari successi, infatti, il cantante milanese è stato colpito da un incidente stradale mentre era a bordo della sua moto. La fatalità, infatti, ha fatto sì che perdesse la vita praticamente sul colpo.

Un altro cantante che è morto giovane, la cui scomparsa è tra l’altro avvenuta di recente, è Cranio Randagio. L’artista originario di Milano, così come il collega Baroni dunque, ha perso la vita a causa di un mix di droghe e alcol che pare si sia rivelato letale.

Apprezzata da tantissimi giovani, la sua musica ancora oggi è in grado di mantenere vivo il suo ricordo nel cuore di tantissimi fan, i quali hanno vissuto grandi emozioni grazie ai suoi brani così belli, e allo stesso tempo così introspettivi.

Nel prossimo paragrafo, proseguiremo con quella che (purtroppo) si può chiamare una lista di nomi di artisti deceduti in via prematura.

Cantanti italiani morti prematuramente

La lista di cantanti e cantautori italiani morti, proseguirà nel seguente paragrafo. I più giovani, per ovvie ragioni legate all’età e al periodo storico di riferimento, potrebbero non ricordarselo. Ma gli ascoltatori più maturati, potranno sicuramente conservarlo nella loro memoria.

L’altro nome di questa spiacevole lista, è infatti Luigi Tenco. Il cantautore italiano, infatti, fece la sua ultima apparizione nel noto festival di Sanremo, che ancora oggi è una ricorrenza.

Dopodiché, il suo corpo venne ritrovato senza vita nella sua camera d’albergo. L’ipotesi che pare sia stata in grado di fungere da referto vero e proprio, è stata quella di un terribile suicidio.

Quarto e ultimo nome: Rino Gaetano. Tra i nomi citati, il suo è sicuramente quello più iconico e rappresentativo. A più riprese, il popolare artista è stato definito come il portavoce del cantautorato moderno.

Le sue canzoni, benché dal tono allegro e spesso di pungenti espressioni satiriche, nascondevo in realtà una forte denuncia sociale al loro interno. Il fatto che siano diventate una vera e propria icona, così come degli inni veri e propri, la dice molto lunga su ciò che Rino Gaetano è stato per la musica italiana.

Un incidente stradale, alla giovane età di 30 anni, se l’è fatalmente portato via in un battito di ciglia. Ma il suo ricordo, come detto sopra, vivrà per sempre nel corso delle generazioni passate, presenti, e future. Così come per gli altri artisti, d’altro canto, la musica difficilmente sarà in grado di fare lo stesso epilogo.

Fabrizio de Andrè

Fabrizio de Andrè, per il genere del cantautorato italiano, è stato un vero e proprio simbolo per chiunque. Ancora oggi, i suoi testi sono una vera e propria iconografia di quello che è un genere che purtroppo si è perso.

Ma tendenzialmente, ha avuto il suo massimo splendore grazie alle liriche poetiche del famoso cantautore genovese. I suoi ultimi concerti, purtroppo, sono stati segnati da un grave avvenimento.

La spiacevole diagnosi di un carcinoma polmonare, lo hanno infatti costretto a ritirarsi dalla sua carriera musicale di successo. Così, con l’aggravarsi della malattia, Fabrizio de Andrè ci ha lasciati alla veneranda età di quasi 60 anni.

Raffaella Carrà

Tra le scomparse più struggenti di questo 2021, il nome della ballerina e cantante italiana Raffaella Carrà è sicuramente quello più altisonante. Di recente scomparsa, la reginetta di Bologna, è stata anche in grado di battersi per i diritti della comunità LGBT.

Il suo enorme merito artistico, inoltre, l’ha portata a sfornare quelle che ancora oggi sono delle vere e proprie hit di successo. La sua scomparsa, purtroppo, è avvenuta di recente.

Il 5 luglio scorso, all’età di 78 anni, casualmente proprio per via dello stesso motivo del sopracitato de Andrè, è morta (si presume) nella sua stanza personale.

Lascia un commento


Veglio vini