Baccalà mantecato alla veneziana

Baccalà mantecato alla veneziana


play Ascolta questo articolo

Il baccalà mantecato alla veneziana è un classico antipasto di pesce, perfetto come antipasto di Natale, o Capodanno. Potete servirlo su crostini di pane o con su fettine di polenta grigliata. Il baccalà mantecato è un’emulsione cremosa tipica della cucina veneziana, preparata con stoccafisso e olio. Vediamo insieme come prepararlo.

Ingredienti

  • 800 g stoccafisso già ammollato
  • 500 g olio di semi di girasole
  • 2 foglie alloro
  • sale fino q.b.
  • pepe nero q.b.
  • prezzemolo q.b.

Preparazione del baccalà mantecato alla veneziana

  1. Per preparare il baccalà mantecato alla veneziana prendete lo stoccafisso, sciacquatelo comunque più volte sotto acqua corrente fredda ed eliminate le lische estraendole con una pinzetta.
  2. Tagliate lo stoccafisso a pezzi grandi, ponetelo in un tegame alto, preferibilmente in acciaio.
  3. Aggiungete l’alloro e versate acqua fredda fino a coprirlo.
  4. Dal momento in cui bolle, calcolate altri 30 minuti di cottura. Durante la cottura, togliete la schiuma.
  5. Quando il baccalà inizierà a sfaldarsi sarà ora di scolarlo.
  6. Trasferitelo nella ciotola della planetaria, montate la frusta e azionate a velocità medio bassa.
  7. Versate a filo l’olio di semi, sale e pepe macinato a piacere mentre fate andare la planetaria.
  8. Dopodiché aumentate la velocità e proseguite a lavorare il composto fino a quando avrete ottenuto una crema. Ci vorranno circa 10 minuti in tutto in planetaria. Aiutandovi con due cucchiai formate gnocchetti.
  9. Adagiate i gnocchetti di baccalà su crostini di pane tostato oppure su crostini di polenta.
  10. Insaporite con prezzemolo fresco tritato e pepe macinato a piacere.
  11. Il baccalà mantecato alla veneziana è pronto per essere portato in tavola.

Voi conoscete la differenza fra baccalà e stoccafisso? Si tratta sempre di merluzzo, ma cambia il metodo di conservazione. Infatti il baccalà viene messo sotto sale, mentre lo stoccafisso viene essiccato all’aria fredda. In entrambi i casi è necessario ammollarlo prima dell’utilizzo.