Volkswagen, arriva la sentenza. Risarcimenti per i clienti italiani

Volkswagen, arriva la sentenza. Risarcimenti per i clienti italiani

Dopo cinque anni dallo scandalo del Dieselgate si è finalmente risolta la questione riguardante l’azienda automobilistica Volkswagen. Nel 2017 la casa madre di auto come il Maggiolino o la Golf era stata accusata di aver messo in piedi una pratica commerciale scorretta. L’azienda tedesca infatti aveva installato sui propulsori dei veicoli un software vietato utile ad abbattere le emissioni di ossido di azoto durante i test per ottenere l’omologazione delle auto. Furono scoperti ed accusati poi da Euroconsumers, un network europeo che supporta i consumatori di tutta Europa. L’associazione comprende anche l’italiana Altroconsumo, oltre che Deco Proteste per i portoghesi, OCU per gli spagnoli e Test Achats per i cittadini del Belgio.

Volkswagen: ecco i risarcimenti

Oggi è arrivata la sentenza finale. Volkswagen dovrà risarcire ogni suo cliente per un totale di circa 3300 euro più interessi. La cifra è la metà per chi ha acquistato un mezzo usato o per chi lo ha rivenduto in un periodo compreso tra agosto 2009 e settembre 2015. L’azienda ha quindi un conto nei confronti dei cittadini per un totale di 208 milioni di euro, senza considerare tutte le dovute spese legali e il costo sostenuto da Altroconsumo per pubblicizzare la vicenda. Altroconsumo si è detta soddisfatta della sentenza, che considerava circa settanta mila italiani che ora otterranno il loro rimborso dall’azienda tedesca. Chi ne ha il diritto verrà presto contattato dall’associazione per capire insieme i termini del risarcimento stabilito dal Tribunale di Venezia. Dopo gli americani, i tedeschi e gli spagnoli, anche i clienti Volkswagen italiani hanno ottenuto la loro giustizia.

Lascia un commento


Veglio vini