Troppi positivi al Covid, rinviato il via dell’A1 di pallanuoto

Troppi positivi al Covid, rinviato il via dell’A1 di pallanuoto

Il Covid ferma la pallanuoto, provocando il rinvio a data da destinarsi del via della Serie A1, in programma nel weekend. «Considerata l’applicazione delle disposizioni governative in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 che prevedono, tra l’altro, l’isolamento dei contagiati e la quarantena delle persone che vi sono state a stretto contatto, abbiamo deciso in accordo con le società di rinviare l’inizio dei campionati» annuncia il presidente della Federnuoto, Paolo Barelli, spiegando che il provvedimento vale sua per la Serie A1 maschile che per quella femminile.

Alla luce dei casi di positività riscontrati da alcuni atleti alla vigilia dei campionati di pallanuoto, che sarebbero dovuti iniziare rispettivamente sabato 3 ottobre e sabato 10 ottobre, la Federazione Italiana Nuoto si è immediatamente attivata per approfondire insieme ai presidenti delle società iscritte e alle autorità competenti la situazione in continua evoluzione, spiega la Federnuoto. Nel contempo la Fin si riserva di operare ulteriori valutazioni, coinvolgendo anche le istituzioni preposte per individuare, se necessario, e condividere ulteriori formule di svolgimento dei tornei che ne garantiscano la continuità e la regolarità nel pieno rispetto delle normative a tutela della salute.

Nello specifico gli ultimi casi di Covid-19 accertati sono quelli di Francesco Lo Cascio, Mario Del Basso e Fabrizio Di Patti del Telimar Palermo, Marco Del Lungo ed Edoardo Di Somma dell’AN Brescia. Ma in precedenza sono emerse altre positività, per esempio a Napoli per il Posillipo e a Verona. Nel frattempo la maggior parte delle squadre ha sospeso gli allenamenti e chiuso l’accesso agli impianti.


Veglio vini