Troppa acqua alle piante: cause e rimedi, ecco cosa devi fare

Troppa acqua alle piante: cause e rimedi, ecco cosa devi fare


play Ascolta questo articolo

Troppa acqua alle piante, cosa bisogna fare?

Il fenomeno della troppa acqua alle piante, è un fenomeno diffuso nella cultura di numerose persone, anche i cosiddetti “pollici verdi”. Questa pratica, infatti, viene spesso e volentieri sconsigliata in maniera piuttosto decisa da coloro che sono degli esperti in materia. Non a caso, tutti gli esperti del settore green o anche solo di giardinaggio puramente amatoriale, scongiurano l’uso di simili tecniche.

Questo, poiché in sostanza non sono in grado di portare ad alcun beneficio concreto. Anzi, sono solite recare dei danni ingenti a coloro che ne fanno uso. Specie se in maniera inconsapevole, naturalmente. Nel corso di questo articolo, sfruttando a dovere questo proposito, capiremo insieme come mai l’uso di questa pratica è fortemente sconsigliato. Anche e soprattutto a coloro che non se ne intendono minimamente.

Il settore del giardinaggio, infatti, è effettivamente molto complicato. Nonostante ci si possa cimentare in questa pratica anche a livello amatoriale, vien da sé che non sarà minimamente possibile farlo senza avere prima una buona base da cui partire.

Base che, in termini teorici, cercheremo appunto di fornire nel corso di questo articolo. Tramite dei semplici passaggi, vedremo anche la giusta quantità di acqua di cui le piante hanno bisogno per poter crescere.

Quanti litri servono per innaffiare una pianta?

Acqua e piante, come ben sappiamo, sono due unità che devono per forza di cose veicolare insieme. Questo, per far sì che la crescita e il loro relativo sviluppo venga favorito proprio grazie all’utilizzo consapevole dell’acqua. Specificare che questo utilizzo debba essere consapevole, è molto importante ai fini pratici. Questo, in quanto metterne troppa potrebbe causare dei seri problemi alla loro crescita. Ed è una cosa che andrebbe evitata, sostanzialmente.

Ad ogni modo, stando a quanto alcuni siti sostengono, le piante hanno bisogno di una quantità di acqua quantomeno indicativa. Esistendo varie tipologie di piante, non è possibile stabilire il quantitativo esatto tramite il quale innaffiarle e curarle. Ma a livello approssimativo, ci si può muovere senza chissà quali difficoltà.

Indicativamente, se la nostra pianta si poggia su un terreno sabbioso, per poterla innaffiare bene servono circa 10 o 15 litri di acqua. Inoltre, subentra anche la quantità di tempo necessaria per favorirne il relativo sviluppo. Indicativamente, la cifra migliore si aggira più o meno sui 3 o 4 giorni. Naturalmente, non viene fatta alcuna distinzione in merito. Nonostante dipenda ovviamente da specie a specie, a seconda dei casi.

Troppa acqua alle piante: cause e rimedi

La troppa acqua alle piante, come ormai abbiamo avuto modo di constatare, potrebbe rappresentare un problema di seria entità. Questo, poiché ogni pianta ha bisogno della sua quantità esatta per poter crescere al meglio. Esatta o quantomeno approssimativa, come teniamo a ricordare.

La troppa acqua, per definizione, potrebbe mettere in seria difficoltà le nostre piante. Questo, in quanto il nostro esemplare potrebbe non riuscire ad assorbire al meglio tutte le sostanze nutritive rilasciate dall’acqua. Dunque, ogni sforzo verrebbe banalmente vanificato in men che non si dica. L’acqua, inoltre, essendosi accumulata diventerebbe stagnante.

E la nostra pianta, così facendo, quasi sicuramente morirebbe nel giro di poco tempo. Un rimedio efficace, a patto che si agisca in tempo, potrebbe tuttavia essere quello di staccare il terriccio dal vaso e metterne del nuovo, in modo tale che i residui in eccesso possano così dissolversi. Questa pratica, può darci maggiori possibilità di successo, se utilizziamo anche dell’argilla espansa a mo’ di accompagnamento.

Dulcis in fundo, salvare una pianta dalla troppa acqua è possibile, ma bisogna agire entro un certo lasso di tempo. Diversamente, orientarsi sarà molto difficile. Così come porvi dunque rimedio, di conseguenza. Ovviamente, ci vuole pur sempre una conoscenza di base.