Test psicoattitudinali, cosa sono e cosa sapere

Test psicoattitudinali, cosa sono e cosa sapere
Ascolta l'articolo

Stai pensando ad una carriera nel settore pubblico come impiegato nelle pubbliche amministrazioni o presso l’ambito militare? Magari vuoi candidarti ad un concorso per diventare insegnante o funzionario pubblico e vuoi capire in che modo avverranno le candidature? Oltre ad una serie di conoscenze e di competenze dovrai sostenere cosiddetti test psicoattitudinali, esami finalizzati a valutare una grande varietà di capacità dei candidati. Vediamo insieme cosa sono e come superarli brillantemente.

Test psicoattitudinale, cos’è

I test psicoattitudinali sono esami che valutano le capacità dei candidati rispetto a una serie di ambiti come logica, competenza linguistica, comprensione verbale ecc…Sono test che vengono personalizzati in base all’ambito di selezioni e hanno lo scopo di individuare le persone più adatte a ricoprire un determinato incarico. Sono test molto importanti che vanno a interrogare il candidato sulle seguenti capacità:

  • logica verbale;
  • logica numerica;
  • logica spaziale;
  • logica matematica;
  • comprensione di brani;
  • ragionamento logico.

Ogni ambito prevede domande a risposta multipla alle quali il candidato dovrà rispondere in un preciso lasso di tempo e, quindi, sottoposto ad un forte stress emotivo che dovrà padroneggiare per ottenere il punteggio migliore ai fini del superamento della selezione. Questi test sono sempre proposti per i concorsi pubblici che selezionano risorse per le Pubbliche Amministrazioni, per le forze armate, nelle selezioni bancarie e aziendali e presso i test di ammissione per l’università a numero chiuso.

Come si supera un test psicoattitudinale

Il miglior modo per prepararsi è studiare su libri specifici in ambito di test psicoattitudinali, prediligendo quelli freschi di stampa. Molto spesso l’unica cosa davvero utile da fare è esercitarsi con le simulazioni che trovi anche online misurando la prestazione con un cronometro.

La verità è che il trucco per procedere al meglio con questi test è quello di non soffermarsi su una domanda di cui non riusciamo a trovare la risposta ma di procedere e andare avanti lasciando per ultimo i quesiti che riteniamo più complessi.

È importante arrivare in fondo al test gestendo bene il tempo di cui si dispone e senza farsi prendere dal panico. Difatti le selezioni non prevedono solo questa prova ma possono essere abbinati anche a esposizioni orali o redazione di testi scritti. Quindi se qualche risposta dovesse essere sbagliata potrai ribaltare il risultato concentrandoti anche sulle altre prove.

Test psicoattitudinali e test psicometrici

I test psicometrici sono una branca estesa che comprende i test psicoattitudinali. Quindi questi si suddividono in testi di abilità, di personalità e di attitudine.

In particolare i test psicometrici non sono altro che strumenti standard di valutazione che servono a condurre indagini psicologiche.

Lo scopo dei test psicometrici è quello di valutare comportamenti, personalità e attività psichiche dei candidati al fine di redigere valutazioni obiettivi e significative dal punto di vista statistico. 

Di conseguenza questi test, così come quelli psicoattitudinali, servono a valutare l’aspetto della retrospettività, ovvero il bagaglio di esperienza, conoscenza e competenza acquisito in passato e le sue migliori aspettative per il futuro.

Il test psicoattitudinale più diffuso in Italia per la valutazione psichica dei candidati è il test ITAPI-G. Si tratta di un esame capace di indagare circa le soft skills dei candidati attraverso l’analisi di empatia, introversione, difensività, immaginazione, dinamicità, vulnerabilità e coscienziosità.

Come superarli?

Per superare i test psicometrici occorre rimanere calmi. L’unico elemento davvero utile durante questo genere di esami è il controllo della situazione perché più sarai calmo e più sarai capace di comprendere ciò che leggi rispondendo in modo sincero.

Considera che l’acquisto di test su cui esercitarsi o le simulazioni presenti in rete sono di per sé un valido supporto per prepararti a questo tipo di esami.

Quindi tutto ciò che dovrai fare è prendere consapevolezza con il tipo di domande psicometriche e imparare a leggere con calma le frasi, rispondendo in modo sincero, senza forzature o finzioni che potrebbero addirittura penalizzarti.

Non fingere mostrando lati di te che non possiedi. Rispondi onestamente e cerca sempre di agire gestendo al meglio il tempo di cui disponi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.