Stacco rumeno: che cos’è, esecuzione e a cosa serve?

Stacco rumeno: che cos’è, esecuzione e a cosa serve?

Lo stacco rumeno, nel mondo del fitness e dell’allenamento, è un esercizio estremamente utile. Infatti, la sua efficacia si riversa principalmente in una specifica zona del corpo: quella inferiore.

Questa parte del corpo, funge da sostegno e bilanciamento per ogni nostro singolo movimento. Sostanzialmente, lo stacco rumeno è una variante leggermente differente dallo stacco da terra.

Le differenze sostanziali, saranno appunto elencate nel corso del seguente articolo. Glutei e femorali, sono le parti del corpo che vengono messe sotto sforzo con maggiore frequenza nel corso di questo esercizio.

Eseguire l’esercizio dello stacco rumeno, dunque, è un ottimo metodo per accentuare il volume e la forma di questi muscoli. Inoltre, a trarne beneficio è anche il livello di forza e resistenza, che aumenta in maniera esponenziale.

Così come per gli squat tradizionali, o stacchi da terra che siano, a farla da padrona è ancora una volta l’esecuzione corretta del movimento. Un’esecuzione sbagliata, può infatti portare a delle conseguenze gravi, oltre a non favorire la corretta crescita del gruppo muscolare.

Ovviamente, per questa tipologia di esercizi si consiglia sempre l’intervento di un professionista qualificato. Eseguire da soli questi movimenti, potrebbe essere un grosso problema, considerando il coefficiente di difficoltà.

Esecuzione stacco rumeno

L’esecuzione corretta dello stacco rumeno, è fondamentale per la corretta efficacia dell’esercizio. Essendo inoltre una zona delicata, quella messa sotto sforzo, è bene prestare la massima attenzione.

La posizione di partenza, citando le varie fonti ufficiali, vede l’autore dell’esercizio in piedi. A questo punto, ci sono due modalità differenti: dall’alto o dal basso.

A seconda della direzione nella quale si muove il supporto apposito, infatti, l’esercizio può garantire dei risultati differenti in base all’esecuzione scelta. Durante lo stacco, i piedi devono essere perfettamente in linea con le spalle, per non causare squilibri di vario genere.

Le mani, rispetto alle cosce, hanno una posizione leggermente più laterale. Il segreto principale per la corretta riuscita di questo esercizio, è la stabilità. Un corretto bilanciamento, può fare decisamente la differenza. Il peso, nel culmine dell’esecuzione, si deve riversare tutto sui talloni.

Nella salita, il movimento è simile a quello della discesa. Ovviamente, in questa fase dell’esercizio è fondamentale mantenere la stessa compostezza messa in atto durante la fase di discesa.

Una volta terminato l’esercizio, sarà poi necessario provare e riprovare, fino a che non si avrà ottenuto la stessa e medesima confidenza col movimento corretto. Nel paragrafo successivo, parleremo della sua relativa importanza nei glutei.

Esercizi glutei stacco rumeno

Come detti nei paragrafi precedenti, i gruppi muscolari sollecitati dallo stacco rumeno sono tanti. Tra questi, rientrano sicuramente i glutei, gruppo allenato da numerose persone.

La zona dei glutei, infatti, permette di avere una migliore stabilità nel corso dell’esecuzione di determinati esercizi. Indubbiamente, un gruppo muscolare al quale va attribuita la giusta importanza che merita.

Esercizi come gli squat o lo stacco rumeno, sono estremamente efficaci per poter allenare i glutei. Considerando che tutto il peso si concentra sulle gambe, anche la zona posteriore ne trae un grande beneficio. Considerando l’esecuzione, inoltre, i vantaggi sono ancora maggiori.

Per esempio, i glutei vengono sollecitati nella maggior parte degli esercizi nei quali è necessario stare in piedi. Di conseguenza, è bene prestargli la giusta attenzione. In termini di esecuzione, si possono avere delle differenze sostanziali per risultati e volumi.

Esercizi per i glutei ne esistono tanti, ma la cosa fondamentale è certamente quella di eseguirli bene e nella maniera corretta. Maniera corretta che si può conoscere solamente rivolgendosi ad una struttura qualificata, dove militano altrettanti professionisti. Nel prossimo paragrafo, scopriremo invece come eseguire lo stacco da terra rumeno, altra variante dello stacco rumeno.

Stacco da terra rumeno

Lo stacco da terra rumeno, è utilissimo per poter incrementare la propria esplosività nello stacco. A tal proposito, in questo paragrafo avremo modo di capire come si esegue e qual è il metodo adatto.

Nella parte precedente di articolo, si è evidenziata la postura corretta per poter svolgere l’esecuzione al meglio. Lo stacco da terra, avviene infatti nella medesima maniera, col bilanciere che rimane a terra e viene dunque sollevato dalla posizione in cui si trova.

La variante dello stacco da terra, oltretutto, è una delle più diffuse tra culturisti e praticanti agonisti in palestra. Questo, per via della sua enorme efficacia.

Mezzo stacco rumeno

Ultimo ma non per importanza, il mezzo stacco rumeno. Questa tipologia di esercizio, infatti, prevede un’esecuzione “frammentata” del movimento visto in precedenza. Questo, avviene in modo tale da poter stimolare il muscolo in una maniera differente. Più efficace, per così dire.

Il mezzo stacco rumeno, per ovvi motivi, presenta una tipologia di esecuzione differente. Infatti, risulta essere molto più precisa e ben definita rispetto alla versione standard dell’esercizio.

Tutte le varianti elencate nel corso di questo articolo, ricordiamo fortemente, vanno eseguite obbligatoriamente con l’affiancamento di un professionista ad hoc. Diversamente, potrebbe essere rischioso per la propria salute.

Lascia un commento


Veglio vini