Cos’è la piodermite nel cane e come si cura

Cos’è la piodermite nel cane e come si cura


play Ascolta questo articolo

La piodermite è un’infezione di tipo batterica abbastanza comune che può colpire la cute del nostro cane in qualsiasi momento della sua vita.

Solitamente non è pericolosa, se non in caso di complicazioni o di terapie inefficaci, e inoltre la piodermite del cane non è contagiosa né per l’essere umano né per gli altri animali.

Il continuo grattarsi del cane può però rischiare di far peggiorare l’infezione, per questo è importante riuscire a distinguerla e riconoscerla, così da poter chiedere l’intervento del nostro veterinario il prima possibile.

Cos’è la piodermite

Il batterio responsabile della piodermite è lo Stafilococco, un batterio che è normalmente presente sulla cute del nostro cane e che sotto alcune condizioni particolari può diventare patogeno.

A seconda della zona colpita, della causa scatenante dell’infezione o della tipologia di cane si possono identificare tipi diversi di piodermiti:

  • Piodermite superficiale. Si manifesta sulla cute superficiale del cane, di solito in corrispondenza dei follicoli piliferi, sotto forma di placche e pustole rigonfie e pruriginose.
  • Piodermite profonda. Si manifesta come quella superficiale ma in maniera più estesa. Sono presenti ulcere, bolle e vi è un ispessimento cutaneo che può dare forte prurito. È più frequente in cani giovani o Golden Retriever e San Bernardo.
  • Piotraumatica o pseudo piodermite. Questa forma di piodermite ha natura comportamentale e può nascere in seguito a forte stress o a un trauma. Si manifesta più frequentemente su pancia o interno coscia, dove il cane può mordicchiarsi compulsivamente e far insorgere perciò l’infezione.
  • Piodermite pieghevole. Si manifesta in razze che sono predisposte all’arricciamento e alla piegatura della pelle, come ad esempio gli Shar Pei o quei cani che in stato di obesità sviluppano le piegature.

Piodermite cane cause

La piodermite è causata spesso da altre patologie, traumi o alterazioni immunologiche o metaboliche, che portano a una proliferazione di Stafilococco e una perdita dell’equilibrio della flora batterica naturale dell’epidermide del cane.

Tra le cause principali possiamo ritrovare alcune malattie di tipo ormonale, come l’ipotiroidismo o la sindrome di Cushing, o disturbi autoimmuni.

Anche la somministrazione di alcuni farmaci può portare all’alterazione dello Stafilococco, come ad esempio gli immunosoppressori, o semplicemente può essere una reazione di ipersensibilità o allergia.

C’è da porre attenzione anche all’alimentazione. Una cattiva alimentazione o una reazione allergica a un qualche alimento può portare a sviluppare la piodermite canina.

Tra le cause rientra, come nel caso della pseudo piodermite, il fattore traumatico dell’epidermide. Una ferita di qualunque tipo, che sia per un morso o l’inserimento sotto pelle di un corpo estraneo, o addirittura causata da parassiti, può generare l’infezione.

C’è da prestare inoltre particolare attenzione ad alcune razze, più propense di altre per natura a sviluppare la piodermite canina, come ad esempio il Pastore Tedesco.

Sintomi della piodermite

Riconoscere la piodermite canina è relativamente semplice, in quanto causa lesioni cutanee particolarmente vistose e doloranti. Infatti basterà esaminare la cute del nostro cane o tenere d’occhio il suo comportamento per notare:

  • Arrossamenti
  • Vescicole e pustole
  • Croste
  • Perdita di pelo
  • Forte prurito
  • Piaghe umide
  • Cattivo odore
  • Eruzioni cutanee

Piodermite canina come si diagnostica

Una volta presa visione dei sintomi è bene rivolgersi subito al proprio veterinario così che possa fare una diagnosi.

Di solito basta un esame visivo dei sintomi cutanei per riconoscere le tipiche manifestazioni della piodermite, ma è sempre bene accompagnare la visita a un esame citologico, raccogliendo le secrezioni delle vesciche, per verificare la carica batterica e l’infiammazione.

In caso di piodermite profonda viene effettuato anche un esame colturale batteriologico e antibiogramma per verificare la natura del batterio e valutare la sua sensibilità agli antibiotici.

Per determinare la causa dell’infezione possono essere svolti esami concomitanti, come ad esempio esami del sangue, test allergologici, biopsie o esami per verificare la presenza di funghi.

Piodermite cane cura

La cura della piodermite nel cane prevede nelle sue forme più gravi la somministrazione di antibiotici per un periodo che va dalle 3 alle 4 settimane.

Per alleviare i sintomi o per curare insorgenze più lievi è previsto inoltre l’uso di uno shampoo che contiene clorexidina o etil-lattato, oppure di composti antisettici ad applicazione locale, come gel al cloruro d’alluminio

Inoltre è necessario rilevare la causa dell’infiammazione così da poter agire direttamente su quella ed evitare nel tempo una ricaduta.

Come prevenire la piodermite

Prevenire la piodermite non è semplice, essendo dovuta a uno scompenso improvviso della carica batterica naturale della pelle del cane, ma non è neanche impossibile.

Sono poche le accortezze da seguire:

  • Disinfettare subito le ferite con un prodotto adatto al tuo cane.
  • Proteggerlo dai parassiti con un antiparassitario adeguato.
  • Attenzione alle reazioni a farmaci o alimenti, per individuare subito le allergie.
  • Cura la sua alimentazione, seguendo le indicazioni del tuo veterinario.
  • Visite periodiche dal veterinario di fiducia per controllare la presenza di patologie e verificare sempre il buono stato di salute del tuo cane.