Cosa vedere ad Ostuni e cosa fare in un giorno

Cosa vedere ad Ostuni e cosa fare in un giorno


play Ascolta questo articolo

A Ostuni, ci sono talmente tante cose da vedere e da fare che si ha l’imbarazzo della scelta a seconda dei casi che più si preferiscono. La città in questione, che si trova in Puglia, è da parecchio tempo a questa parte una delle mete di riferimento vere e proprie per un sacco di turisti.

E questo, non può che essere un vero e proprio motivo di orgoglio. I tanti turisti che ogni estate si prestano a visitare questo luogo, rappresentano infatti un feedback più che positivo riguardo questo meraviglioso territorio. Inoltre, la valorizzazione che è stata apportata in suo beneficio è sicuramente degna dei migliori elogi in assoluto.

Ostuni, ovviamente, non ha solamente panorami mozzafiato e paesaggi da urlo. Vi è anche una componente culturale che è certamente da non sottovalutare. Parlando di queste tematiche, ci si riferisce a musei o anche solo opere d’arte spartite in tutto il luogo.

Viene definita “città bianca” non a caso, dato il suo colore candido che quasi richiama a qualcosa di paradisiaco. In senso naturalmente metaforico, ovviamente. Il senso di tale paragone, è quello di far sì che si possa apprezzare la città provinciale per ciò che effettivamente si merita ancora oggi.

Cosa visitare a Ostuni

Come detto nel corso del primo paragrafo introduttivo, questo luogo presenta una varietà di posti da visitare davvero non indifferente. A partire dai luoghi più caratteristici passando poi per tradizione e cultura, c’è talmente tanta scelta che elencare ogni singola opzione sarebbe quasi impossibile.

Quantomeno materialmente, si intende. Nel corso dei prossimi paragrafi, a questo proposito, verranno elencate numerose attrazioni differenti tra loro. La scelta è sicuramente tanta, Ed è proprio per questo che dedicarsi ad un argomento simile in maniera approfondita è quantomeno doveroso.

I prossimi paragrafi, ad ogni modo, potranno essere rivelatori per quanto concerne questa pratica. Tutti i turisti, giustamente, da una vacanza si aspettano quantomeno che ci possano essere le possibilità di divertirsi. In questo caso, si possono avere tutte e due le cose pur senza fare chissà quanta fatica.

Si tratta infatti di un luogo estremamente agevole e propenso al divertimento, senza però rinunciare alla bellezza visiva delle varie opere presenti. Nel prossimo paragrafo, verrà elencata una delle prime attrazioni che si possono citare. Quantomeno se si considerano quelle appunto degne di nota. Dunque, le migliori in assoluto.

A tal proposito, è bene annunciare l’argomento inerente al prossimo paragrafo: piazza della Libertà.

Piazza della Libertà

Piazza della Libertà, è sicuramente una delle migliori attrazioni che si possono trovare in giro per questa meravigliosa città. Si parla effettivamente di una delle piazze più acclamate del luogo. Non a caso, tutti i residenti passano il loro tempo libero al suo interno. Questo, poiché è effettivamente una delle piazze più iconiche e rappresentative allo stesso tempo dell’intero luogo.

E questo fa sì che ci siano effettivamente tutti i presupposti per una visita che da turisti può acquisire senza alcun dubbio tutto un altro fascino. Rispetto a coloro che magari ci passano anche diversi giorni alla settimana, essendo giustamente residenti facenti parte di quel luogo ben preciso.

Oltre ad essere dunque una sorta di salotto a cielo aperto, risulta essere anche il posto più strategico in assoluto per poter iniziare la propria visita nel centro cittadino della provincia di Brindisi. Infatti, numerosi turisti ogni anno, più precisamente per quanto riguarda la stagione estiva, si ritrovano all’interno di questa piazza per poter cominciare da questo punto appena citato, i loro lunghi itinerari basati sul turismo.

E ovviamente sul divertimento, nonché sull’interesse tutte le attrazioni che verranno citate sono appunto in grado di suscitare. Nel prossimo paragrafo, verrà presa in esame un’altra grandiosa attrazione.

Chiesa di San Francesco di Ostuni

La Chiesa di San Francesco di Ostuni, è anch’essa a suo modo una delle migliori attrazioni riguardanti l’intero paese. Questa Chiesa, presenta infatti dei rilievi e dei dettagli che sono veramente difficili da non notare. Quantomeno in maniera puramente superficiale. Ovviamente, coloro che sono interessati alla materia in maniera particolarmente viscerale potranno sicuramente cogliere in maniera migliore, nonché più approfondita, i tanti dettagli che ci sono.

Questo tipo di chiesa risale all’età barocca, e tutto ciò si può appunto notare dalla sua tipica composizione che riguarda ovviamente la maggior parte delle strutture che sono nate e sorte. O che sono nate nel corso di quel periodo storico e artistico allo stesso tempo.

Numerosi portali incentrati sull’arte e sul turismo evidenziano inoltre come questa chiesa sia uguale anche ad altre strutture che sono presenti nella zona del Meridione italiano. Questo, a voler dimostrare come effettivamente il turismo di questa parte dell’Italia sia effettivamente legato da un unico filo conduttor che lo rende decisamente un passo avanti rispetto ad alcune tipiche e concorrenze.

Concorrenze che vengono appunto identificate come tali da coloro che sono assidui viaggiatori, o anche solo turisti sporadici.

Spiagge e marine

Quando si parla di Ostuni, non si possono non prendere in considerazione le tante spiagge che ci sono. Infatti, questo luogo è noto anche e soprattutto per via della sua particolare – oltre che spiccata – propensione al turismo balneare. Dunque, senza mai rinunciare al divertimento e alla bellezza di questi panorami.

Le marine, riguardano essenzialmente un centro balneare davvero suggestivo. Come nel caso di Villasimius, anche qui si può parlare di un vero e proprio punto di riferimento per quanto concerne il turismo prediletto dai bagnanti. O da coloro che amano il mare più in generale.

In tal senso, una delle spiagge migliori è senza alcuna ombra di dubbio quella del Lido Morelli. Questa spiaggia, è infatti una delle più suggestive dell’intero luogo. La sua sabbia pura e le sue acque cristalline, la rendono infatti una vera e propria attrazione a cielo aperto.

Dunque il turismo, in questo caso, può andare a beneficiare di una simile creazione ambientale, per così dire, sia dal punto di vista visivo che dal punto di vista empirico a tutti gli effetti. Dato che effettivamente in queste acque ci si può immergere con la sensazione di non essere effettivamente al mare.

Risulta essere una sensazione piuttosto particolare, che ben pochi posti sono in grado di trasmettere. E quello citato, ci riesce effettivamente in maniera azzeccata e ben riuscita.

Cosa fare ad Ostuni

Tra le tante cose da fare ad Ostuni, si possono ricavare delle informazioni davvero preziose. Essendo una meta turistica che si presta molto meglio ad una vacanza tipicamente estiva, si può notare come tutte quelle attività che si possono fare all’aria aperta possono essere ben accette. Anche solo i locali notturni per i più giovani o le attrazioni turistiche per un pubblico un po’ meno giovane, possono effettivamente valere singolarmente il prezzo dell’intero biglietto.

Ma questa, ovviamente, è una vicenda che, come sempre, dipende fortemente dal tipo di gusto che il turista in questione arriva a mostrare effettivamente. Si parla di queste tematiche quasi come se ci fosse un solo tipo di turista, ma in realtà, soprattutto al giorno d’oggi, le persone hanno dei gusti sempre più radicati e difficili da soddisfare.

Di conseguenza, ogni tipo di luogo può avere una storia a sé stante, che di conseguenza può essere a sua volta interpretata in maniera differente a seconda del tipo di persona con la quale si ha a che fare in quel momento ben preciso. Nel complesso, è una questione fortemente soggettiva, come spesso si arriva a sottolineare in questi casi.

Cosa mangiare

In questo caso, il cosa mangiare riguarda a sua volta una questione puramente soggettiva. Il fatto che il turismo possa essere affiancato all’arte e alla tradizione culinaria di ogni luogo, è un presupposto assolutamente veritiero. Effettivamente, uno dei modi migliori in assoluto per avvicinarsi alla cultura di un luogo o di una popolazione è sicuramente quello di andare ad intercettare e capire meglio le loro abitudini principali.

In questo caso, quale abitudine migliore ci può essere se non quella del cibo? I prodotti tipici di un luogo, naturalmente, non hanno ancora una varietà così grande da poter soddisfare chiunque. Dunque, preso in considerazione questo tipo di presupposto secondario, si deve capire come effettivamente tale questione sia puramente soggettiva. Il tutto dipende infatti dai gusti che si hanno in materia culinaria.

Se un determinato cibo non piace, sarebbe per forza di cose deleterio arrivare ad insistere su questo aspetto. Pertanto, è bene limitarsi ad interessarsi al cibo tipico con un approccio un po’ più previdente. Non è sicuramente la base migliore da cui partire per un’esperienza indimenticabile, ma è sicuramente un enorme passo in avanti.