Mercato dell’auto in crisi, ma boom dell’alimentazione alternativa: +48% nel primo trimestre

Mercato dell’auto in crisi, ma boom dell’alimentazione alternativa: +48% nel primo trimestre

Il mercato delle quattro ruote è in crisi, praticamente bloccato dagli effetti del lockdown per l’emergenza sanitaria da Coronavirus, ma a fare da eccezione è quello delle auto ad alimentazione alternativa, ovvero elettriche e ibride. Nel primo trimestre dell’anno, infatti, le immatricolazioni di questo tipo di vetture in Europa hanno registrato un aumento del 48% , a fronte di un calo del 35% per le auto diesel e del 33% per le auto a benzina, le propulsioni tradizionali che la fanno ancora da padrone.

Il calo del mercato totale di 1,07 milioni auto paga infatti il decremento di auto diesel e benzina di 1,26 milioni di unità, ed è compensato dall’incremento di quasi 188mila auto ad alimentazione alternativa rispetto al periodo gennaio-marzo 2019. Il mercato delle auto ad alimentazione alternativa insomma non cresce dunque solo in termini di quota a fronte di un mercato complessivo in forte calo, ma cresce in termini di volumi.

Secondo l’approfondimento realizzato dall’Area Studi e Statistiche Anfia, l’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica, il mercato auto delle vetture elettriche ed ibride totalizza 578.338 nuove immatricolazioni e una quota del 19% sul totale mercato. In particolare le vendite di auto elettriche realizzano ottimi risultati in tutti i mercati (con le sole eccezioni di Cipro e Norvegia), grazie ad un arretrato di ordini, nuovi modelli e politiche di supporto. Da gennaio a marzo, quasi un consumatore su cinque ha optato per l’acquisto di modelli a trazione alternativa (19%), con una scelta preponderante per i modelli elettrificati (39% ricaricabili, 54% ibride tradizionali, 7% gas).


Veglio vini