La Ferrari proroga la sospensione della produzione ma farà tamponi a tutti i dipendenti e familiari

La Ferrari proroga la sospensione della produzione ma farà tamponi a tutti i dipendenti e familiari

L’auspicio era ripartire il martedì dopo Pasqua, ma la Ferrari ha dovuto ancora ammainare il suo classico colore e alzare bandiera bianca. L’attività produttiva resterà sospesa fino al 3 maggio 2020, nel rispetto delle disposizioni odierne del Governo Italiano, anche se non è stato fatto ricorso alla cassa integrazione. «Tutte le attività che possono essere svolte attraverso il lavoro agile proseguiranno regolarmente come nelle scorse settimane – si legge in una nota dell’azienda di Maranello -. La Società continuerà a farsi carico dei giorni di assenza di coloro che non possono adottare tale soluzione, così come ha fatto dalla chiusura dei suoi stabilimenti lo scorso 14 marzo».

Pochi giorni fa la Ferrari aveva lanciato il progetto “Back on Track”, ovvero il piano per la riapertura dei luoghi di lavoro di Maranello e Modena che garantirà l’adozione delle più avanzate pratiche per la protezione della salute delle sue persone. Innanzitutto, su base volontaria, è previsto il test sierologico per stabilire per ogni dipendente che entra in azienda se è affetto da coronavirus. Oppure se è già stato contagiato in passato (magari senza neanche saperlo perché asintomatico) e ha sviluppato anticorpi. Verrà fatto agli oltre quattromila dipendenti e in una seconda fase ai rispettivi familiari e ai fornitori che frequentano le aree produttive. I primi test sono giù iniziati.

Il piano della Ferrari, redatto con un pool di virologi ed esperti, tra i quali il professor Roberto Burioni, è strutturato in diverse fasi e prevede anche l’utilizzo di una App per avere un supporto medico sanitario nel monitoraggio della sintomatologia del virus. Il Cavallino si impegna inoltre in caso di positività a mettere a disposizione una copertura assicurativa specifica oltre a un alloggio adatto all’auto-isolamento, con assistenza medica e infermieristica a domicilio e anche supporto di materiale sanitario.