Il tennis prova a ripartire: in Florida esibizione con Berrettini

Il tennis prova a ripartire: in Florida esibizione con Berrettini

Con prudenza e nuove regole di allenamento, tra le quali l’utilizzo di palline personalizzate, il tennis prova a ripartire. Lo stop dei circuiti professionistici ATP e WTA è fissato per ora fino al 12 luglio, ma in Italia dopo due lunghi mesi di chiusura si sono riaperte le porte dei circoli per i giocatori di interesse nazionale. E ripartono i primi tornei, in forma minore. A West Palm Beach, in Florida, dall’8 al 10 maggio è in programma un’esibizione del circuito UTR Pro Match Series (Universal Tennis Ranking). Tra i partecipanti anche Matteo Berrettini. Il romano, numero 8 del mondo, ha trascorso il periodo di isolamento forzato a Boca Raton, poco distante dalla sede del torneo, con la fidanzata Ajla Tomljanovic, anche lei giocatrice. Sfiderà in un quadrangolare gli statunitensi Tennys Sandgren, Reilly Opelka e Tommy Paul. Le partite si giocheranno a porte chiuse e in campo oltre a due giocatori ci sarà solo il giudice di sedia.

Per quanto riguarda il grande circuito ATP, è arrivata la notizia della conferma degli Us Open dal 24 agosto al 13 settembre, sui campi di Flushing Meadows (New York). Gli organizzatori stanno lavorando a stretto contatto con le autorità sanitarie e con tutte le parti in causa per delineare i cambiamenti e arrivare ad una decisione definitiva a metà giugno. «Il nostro piano è di disputare gli Us Open nelle date previste a New York e con la presenza del pubblico – si legge in un comunicato della federazione americana -. Ad ogni modo riconosciamo che a causa della pandemia da Covid-19 il contesto può cambiare anche molto rapidamente e per questo stiamo valutando anche altre ipotesi, inclusa quella delle porte chiuse». Escluso un cambio di location nonostante New York sia l’epicentro statunitense della pandemia.


Veglio vini