Eva Grimaldi senza freni: «Volevo un figlio con Garko»

Eva Grimaldi senza freni: «Volevo un figlio con Garko»

Eva Grimaldi a ruota libera sulle pagine di Chi. L’attrice racconta tutto sulla lunga storia d’amore con Gabriel Garko e parla del suo passato turbolento. La 59enne interviene con un’intervista al settimanale femminile sul putiferio sollevato dal coming out di Garko fatto al Grande Fratello Vip. La Grimaldi infatti è stata legata all’attore (Dario Oliviero il vero nome) idolo delle donne dal 1997 al 2001. D’altronde Gabriel stesso in tv ha ammesso che i due si amavano, ma che tra loro non c’è mai stata intimità.
«La nostra storia è stata creata a tavolino quattordici anni fa – afferma la Grimaldi, con un’apparente contraddizione di date e periodo -. Non c’è mai stato sesso. Lui aveva bisogno di me e io l’ho sempre protetto. Ma c’è un amore profondo che ci lega, ancora oggi, e che va al di là della sfera fisica…». Quindi la rivelazione: «Io lo avrei addirittura sposato o ci avrei fatto un figlio> rivela Eva, che sulle lacrime di Garko in televisione al suo uscire allo scoperto dice: «Sono solo il risultato delle sofferenze represse di una vita».
Eva Grimaldi, ora sposata con Imma Battaglia, confessa poi al settimanale anche alcuni episodi del passato che l’hanno portata sull’orlo di un baratro fisico e mentale, compreso l’uso di droghe. «Ho sempre desiderato fare l’attrice e ho fatto di tutto per realizzare il mio sogno – spiega la veronese, nome alla nascita Milva Perinoni -. Ho iniziato a frequentare brutti giri a Roma e assumevo anfetamine per restare magra, non mangiavo e non dormivo praticamente più». Per essere perfetta, cedendo ai canoni estetici imposti dal mondo dello showbiz, Eva ha dovuto ricorrere più volte al bisturi: «Mi sono rifatta il seno otto volte. Ero dislessica e un po’ balbuziente, ma ero talmente bella che nessuno ci ha mai fatto troppo caso». Oggi però sostiene di essere una donna felice accanto a Imma Perinoni, l’attivista del movimento di liberazione omosessuale.


Veglio vini