Coronavirus. Garbin: «Nell’emergenza gli italiani sanno essere speciali»

Coronavirus. Garbin: «Nell’emergenza gli italiani sanno essere speciali»

«Gli italiani nei momenti di difficoltà sanno dare sempre qualcosa in più, trovano energie insospettabili, risorse che pensavano di non avere». Parola di Tathiana Garbin, la capitana dell’Italtennis femminile che tra mille attenzioni e precauzioni sta lavorando con le giovani promesse azzurre al Centro di Preparazione Olimpica di Formia. Un messaggio di speranza e motivazione.

«Siamo forti, ce la faremo – è convinta la Garbin -. Trasformiamo questo momento di difficoltà in un momento di riflessione, approfittiamone per crescere, riossigenarci e rivedere le nostre priorità, sia come persone sia come atleti».

A Formia cercano di allenarsi Matilde Paoletti, Giorgia Pedone, Beatrice Ricci, Denise Valente, Anna Paradisi, Asia Serafini, Giulia Martinelli, Federica Urgesi ed Elisabetta Cocciaretto. «Le ragazze sono disorientate, ma consapevoli di quello che accade fuori – dice la capitana azzurra -. Sanno di essere fortunate, tra le poche ad avere ancora la possibilità di allenarsi in un clima pressoché normale». Anche se tutti i tornei sono cancellati o rinviati, compresa la sfida tra Romania e Italia di Fed Cup. «Giusto, vista la situazione – conclude la Garbin -. Ho parlato con le ragazze. Ovviamente sono molto dispiaciute per quel che sta accadendo al Paese e al nostro sport. Comprendiamo il momento difficile e pensiamo che la cosa più importante al momento sia la salute degli atleti e l’integrità della nazione».


Veglio vini