Centrifuga o estrattore: quale scegliere?

Centrifuga o estrattore: quale scegliere?

I succhi di vera frutta e verdura homemade sono ottimi soprattutto nel periodo estivo. Ma come prepararli? Con il centrifugatore od in alternativa con l’estrattore di succo. Ma quale tra questi elettrodomestici da cucina è più indicato per la preparazione di succhi fai da te? E qual è la differenza tra centrifuga ed estrattore?

Scopriamolo in quest’articolo che mette in luce i vantaggi e gli svantaggi di questi due particolari dispositivi per la cucina: meglio quindi la centrifuga o estrattore quindi?

Centrifuga: i vantaggi e gli svantaggi

Se si vogliono realizzare dei gustosi succhi di frutta e verdura homemade bisogna dotarsi degli strumenti giusti: ma meglio propendere per centrifuga o estrattore di succo? Ecco come funziona il centrifugatore e quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo elettrodomestico.

Centrifugatore: come funziona

La centrifuga permette di separare il succo contenuto naturalmente all’interno di un frutto o di una verdura dalle sue fibre. Questo è possibile grazie ad un movimento rotatorio di altissima velocità delle lame presenti all’interno del dispositivo del centrifugatore .

Il centrifugatore permette quindi di sminuzzare qualsiasi frutta e verdura inserita al suo interno e di farlo non solo ad alta velocità ma anche in pochissimo tempo.

Centrifuga Vantaggi

Ecco alcuni “vantaggi” sottolineati dall’uso delle centrifughe:

  • Praticità: usare un centrifugatore è molto comodo e veloce. Si possono inserire sia frutta che verdura senza togliere la loro buccia né tantomeno è necessario tagliare a piccoli pezzi i prodotti inseriti.
  • Costo contenuto: una centrifuga è un elettrodomestico da cucina abbastanza economico. Come ogni articolo si possono trovare sul mercato vari modelli ed a differenti prezzi. Se si è nel dubbio se acquistare un centrifugatore o estrattore bisogna sottolineare però come la gamma di prezzi per le centrifughe sia abbastanza contenuta.

Centrifuga Svantaggi

Ecco alcuni “svantaggi” sottolineati dall’uso delle centrifughe:

  • Meno Fibre e Sostanze Nutritive: lavorando ad alta rotazione la centrifuga tende a surriscaldarsi e questo aspetto non è propriamente positivo per le fibre naturalmente contenute in frutta e verdura perché nei centrifugati potranno essere contenute in minor misura e di conseguenza avere anche meno sostanze nutritive.
  • Maggiore scarto del prodotto: le centrifughe solitamente producono maggiori “scarti” ovvero fibre della frutta e verdura inserita. Al contrario degli estrattori che riescono a spremere maggiore succo dagli alimenti inseriti.
  • Breve periodo di Conservazione: l’elettrodomestico che permette di realizzare dei saporiti centrifugati ha come neo quello di realizzare succhi da consumare nell’immediato. Lavorando ad alta temperatura la centrifuga permette infatti di realizzare ottimi succhi di frutta e verdura ma che possono essere conservati solo per un periodo limitato.

Estrattore di succo come funziona

Estrattore di succo: vantaggi e svantaggi

Per realizzare succhi di frutta e verdura fai da te si può utilizzare un centrifugatore oppure un estrattore. Ecco come funziona l’estrattore e quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo elettrodomestico.

Come funziona un estrattore di succo?

L’estrattore di succo, a differenza del centrifugatore, non fa leva sulla velocità di centrifuga per estrarre il succo ma sul suo contrario. Il frutto o la verdura inseriti all’interno del dispositivo vengono “spremuti” lentamente. Questo elettrodomestico è dotato infatti di un ingranaggio particolare chiamato coclea che spreme a bassa velocità e questo aiuta anche a non far ossidare il succo ottenuto.

I vantaggi dell’estrattore

Ecco alcuni “vantaggi” sottolineati dall’uso degli estrattori:

  • Contengono più Fibre e Sostanze Nutritive: Gli estratti sono solitamente considerati ottimali per fare il pieno di vitamine, fibre e principi nutritivi. Questo perché l’estrattore di succo a freddo, il dispositivo per ottenere gli estratti dalla frutta e dalla verdura, utilizza la possibilità di spremere a freddo. Lavorando a bassa temperatura riesce a mantenere intatte le fibre e tutte le sostanze nutritive contenute negli alimenti inseriti.
  • Estrae maggiore quantità di prodotto: sembra che l’estrattore sia capace di estrarre fino al 20% in più di succo e prodotto rispetto alle centrifughe e che quindi produca anche meno scarti di fibre.
  • Alto periodo di Conservazione: Un estratto può essere conservato in frigo anche a distanza di 48 ore senza che i principi nutritivi contenuti al suo interno vengano in qualche modo intaccati.

Gli svantaggi dell’estrattore

Ecco alcuni “svantaggi” sottolineati dall’uso degli estrattori:

  • Poca praticità: Prima di utilizzare un estrattore di succo bisogna correttamente sbucciare e tagliare a piccoli pezzi la frutta e la verdura scelti per l’estratto.
  • Tempi di pulizia più lunghi: l’estrattore necessità di tempi di pulizia nettamente più lunghi rispetto alla centrifuga.
  • Costo elevato: sul mercato esistono varie tipologie di estrattore ma la differenza tra centrifuga ed estrattore è sostanzialmente anche una questione di prezzi. Quest’ultimo ha infatti solitamente costi maggiormente elevati rispetto all’altro elettrodomestico da cucina.

Centrifuga o Estrattore di succo cosa scegliere

Quindi meglio la Centrifuga o estrattore?

In questo articolo si è voluto mettere in luce quelli che sono principalmente i vantaggi e gli svantaggi di questi due apparecchi con lo scopo di creare succhi di frutta e verdura. Vi è differenza tra Centrifuga ed Estrattore: quest’ultimo sicuramente ha quella che viene definita “una marcia in più” rispetto alla centrifuga ma bisogna tenere a mente che ha anche dei piccoli svantaggi.

Molto spesso il frullatore viene confuso con la centrifuga: tutte e due questi elettrodomestici sono dotati di lame ed anche se la frutta e la verdura inserite al loro interno vengono sminuzzate a piccoli pezzi, il centrifugatore ha la capacità di separare il succo dalla polpa ovvero la parte liquida della frutta e della verdura mentre questa opzione non è presente all’interno di un frullatore.

Non bisogna neanche confondere lo spremiagrumi con la centrifuga o estrattore. Lo spremiagrumi non sminuzza la frutta e la verdura ma spreme solo una determinata tipologia di frutta come le arance, i mandarini, i limoni ed i pompelmi.

Centrifuga o Estrattore Prezzi

Esistono sul mercato vari modelli di centrifuga o estrattore di succo. La gamma di prezzi varia in base a vari fattori. Ecco i più comuni:

  • Potenza del motore
  • Materiali dell’elettrodomestico da Cucina scelto ( estrattore o centrifuga)
  • Capienza massima dell’apparecchio
  • Accessori e funzionalità aggiuntive

Come già sottolineati nell’articolo i prezzi di una centrifuga sono solitamente più contenuti rispetto ad un estrattore: i prezzi di una centrifuga possono variare ma solitamente con meno di 200 euro si possono già acquistare ottimi prodotti e modelli top gamma. Gli estrattori invece partono da una cifra di circa 100 euro per i modelli basic fino ad arrivare a modelli top di gamma venduti a più di 500 euro.

Lascia un commento


Veglio vini