Visitare le Cascate del Varone: informazioni utili

Visitare le Cascate del Varone: informazioni utili


play Ascolta questo articolo

Le cascate del Varone, sono un tipo di attrazione in grado di stupire tutti quanti. Questo, senza fare alcun tipo di eccezione. Questo itinerario, infatti, per completezza e soprattutto per spettacolo offerto, è decisamente poco equiparabile al resto delle offerte presenti in circolazione.

Ciò che si para davanti agli occhi dei turisti, è un qualcosa di incredibile. Ovvero, un’area potenzialmente incontaminata e perfettamente integrata in uno status di natura puro e senza precedenti. Il fatto che ci siano così tanti turisti interessati, anno dopo anno, è sintomo di un lavoro a monte che è stato fatto in maniera più che discreta. Oltre alla bellezza naturale del luogo in sé.

Si parla infatti di una zona ampia che comprende a sua volta una vastità di cose da vedere davvero soddisfacenti. Ma ovviamente, il tutto deve essere contestualizzato. Benché non sia un luogo facile da raggiungere, queste cascate sono comunque una grande attrazione. Nonostante anche altre cascate in Italia possano dire tranquillamente la loro, anche l’area di Trento appena citata è una grande garanzia.

Nei prossimi paragrafi, come da tradizione, saranno approfonditi anche tanti altri aspetti di assoluto rilievo. Alternati anche a delle informazioni per i turisti a dir poco indispensabili. Ma prima di procedere, è bene capire insieme cosa siano le cascate del Varone.

Cascate del Varone: cosa vedere

Le cascate del Varone, sono una vera e propria meta ambita da qualsiasi turista. Questo, per via del loro panorama suggestivo e dei tanti spunti naturali che un luogo del genere è in grado di offrire in maniera spontanea. Ad ogni modo, esistono anche tanti altri lati che meritano di essere così approfonditi.

Per esempio, il fatto che nelle vicinanze ci siano anche tante altre strutture. Cose che, da altre parti, non per forza è possibile vedere. I tanti servizi che vengono messi a disposizione per i turisti, spesso e volentieri sembrano essere non adeguati. Tuttavia, vedendo le recensioni sparse in giro per il web, si può facilmente capire come non sia questo il caso.

Le cose da vedere, insomma, sono tante. Considerando il fatto che nel raggio di 3 km ci sono appunto tanti servizi, è giusto soffermarsi su qualsiasi punto nella maniera migliore. Inoltre, questo tipo di itinerario è adatto a qualsiasi tipo di esigenza.

Che si tratti di un solo turista, una coppia o una famiglia, è irrilevante. Ci si può infatti divertire tanto, e allo stesso modo come tutti. La scelta, dunque, ricade solo sul singolo consumatore coinvolto.

Cosa si trova all’interno del sito

All’interno di questo ambito sito, si possono trovare anche tanti altri spunti di rilievo. Il percorso apposito, infatti, fa sì che si trovino anche degli scavi che risalgono addirittura al periodo ottocentesco. Questi, sono infatti dei ritrovamenti molto preziosi, che quasi sembrano legittimare le tante attese che bisogna vivere per poter prenotare.

Ma naturalmente, come si vedrà più avanti nel corso dei paragrafi, questo dipende fortemente dal tipo di stagione a cui ci si riferisce. Le varie rocce sedimentarie presenti, fanno sì che questo luogo sia di particolare interesse anche per coloro a cui la materia “rocciosa” piace particolarmente.

Dunque, volendola porre in questi modi, anche dal punto di vista scientifico. Spesso e volentieri, effettivamente, si sconfina molto facilmente oltre il turismo. Cosa che, effettivamente, alle volte può andare bene per chi se ne intende. E viceversa, per chi non se ne intende.

Trattandosi di un itinerario effettivamente molto leggero come percorribilità, va comunque bene che qualcuno sia interessato anche dal punto di vista scientifico. Ma in linea di massima, questi sono percorsi e siti che possono andare a genio molto di più a chi vuole solo farsi suggestionare da certe bellezze.

Come arrivare alle Cascate del Varone

Le cascate del Varone, sono situate su un percorso apposito. Infatti, per poterci arrivare bisogna seguire una strada ben precisa. Il riferimento massimo che fornisce Google in tal senso, è che queste cascate si trovano in provincia di Trento. Dunque, nel Trentino.

A 3 km dal lago di Garda, si può dunque trovare un luogo in grado di soddisfare turisti di ogni gusto e preferenza. Per quanto concerne il percorso da seguire, bisogna capire bene innanzitutto che tipo di itinerario si voglia seguire a sua volta.

Google Maps così come tanti altri servizi, per fortuna, sottolineano molto bene i passaggi esatti per poterci arrivare da qualsiasi parte nelle vicinanze. Ovviamente, quello che è stato descritto non è l’unico metodo, ma bensì uno dei tanti validi esistenti. Nel prossimo paragrafo, si avrà modo di scendere più nello specifico. Parlando appunto di parcheggi e tanto altro.

Infatti, esistono delle aree apposite. Ma questo, sarà un dettaglio che verrà approfondito come merita proprio nel corso del prossimo paragrafo. Per il momento, ci si può accontentare delle risposte appena fornite. Ovvero, i navigatori satellitari. Che rappresentano comunque un’ottima alternativa di per sé.

In alternativa, si possono valutare anche le mappe locali, che sono allo stesso modo accurate.

Dove parcheggiare

Il posto in cui parcheggiare, è un vero e proprio dilemma per numerosi turisti. Per fortuna, in questo caso esistono delle risposte molto più comode. Di solito, questi percorsi non hanno infatti un’area che sia adibita appositamente per i visitatori. Dunque, spesso e volentieri ci si deve reinventare da soli.

Facendo dunque riferimento a strade bianche, sterrati o altro. In questo caso, per fortuna, esistono delle aree specifiche per coloro che arrivano a visitare l’area. Naturalmente, sono servizi che rappresentano un vincolo di pagamento. Cosa che verrà ribadita anche nel prossimo paragrafo.

Che sarà anche tra gli ultimi di questo corposo approfondimento sulle cascate del Varone. Solitamente, i prezzi possono naturalmente oscillare a seconda di quello che viene richiesto. Ma in linea di massima, si può facilmente verificare da sé come esistano anche dei pacchetti molto vantaggiosi.

Almeno per i parcheggi, in ogni caso, si può comunque stare tranquilli. Alle volte, lo stesso Google oltre a fungere da navigatore ci offre anche degli ottimi consigli sui servizi. Per esempio, nel luogo specificato ci sono anche dei parcheggi gratuiti, resi tali per due ore.

In alternativa, ci si può comunque informare presso i numerosi info point dell’area. I quali sapranno sicuramente fornire le risposte che si cercano.

Prezzi e orari per le cascate

Gli orari per visitare queste cascate, riportano la seguente tabella oraria:

Gennaio – Febbraio: dalle 10:00 alle 17:00
Marzo: dalle 09:00 alle 17:00
Aprile: dalle 09:00 alle 18:00
Maggio – Giugno – Luglio – Agosto: dalle 09:00 alle 19:00
Settembre: dalle 09:00 alle 18:00
Ottobre: dalle 09:00 alle 17:00
Novembre – Dicembre: dalle 10:00 alle 17:00

Naturalmente, si parla di una tabella oraria che con molta probabilità può essere soggetta a dei cambiamenti. Ma in ogni caso, il tutto verrebbe notificato da chi di dovere. Per quanto concerne i prezzi, invece, si possono avere informazioni altrettanto mutabili.

Il ticket singolo costa circa 6 euro. Tuttavia, come anticipato in precedenza, esistono comunque degli sconti appositi e dei pacchetti speciali per le famiglie o per i grandi gruppi. Il biglietto in questione, in ogni caso, è da considerarsi valido a tutti gli effetti.

A seconda della stagione, si possono comunque avere delle variazioni specifiche. Nel prossimo paragrafo, appurato ciò, vedremo altri consigli che possono essere utili ai visitatori. Nella speranza che possano essere utili a qualcuno che non ha ben presente il modo in cui muoversi. Cosa che non è da dare per scontata, ovviamente.

Consigli utili

Alcuni consigli utili per visitare le cascate del Varone, riguardano numerosi aspetti che meritano di essere approfonditi. Innanzitutto, la scelta della stagione. A seconda del momento dell’anno in cui si va a visitare questo sito, è normale che le cose potrebbero cambiare di conseguenza.

Nonostante sia un luogo riparato e non troppo caldo, l’alta stagione estiva potrebbe essere scomoda a molti. Dunque, i mesi di raccordo di maggio e settembre possono rappresentare senza ombra di dubbio una delle migliori alternative. Soprattutto per prevenire quantomeno la conseguente invasione di turisti.

Che, come da prassi, potrebbe cambiare le carte in tavola in maniera a dir poco significativa. Poi, bisogna valutare bene anche il tipo di abbigliamento che si vuole portare con sé. Essendo un percorso guidato, è ovvio che non sarà accidentato. Né tantomeno pericoloso di conseguenza.

Nonostante questo, bisognerà comunque scegliere bene come andare vestiti.