Risotto all’arancia

Risotto all’arancia
Ascolta l'articolo

Il risotto all’arancia è un primo piatto semplice, fresco e delicato perfetto per una cenetta romantica e perfetto per i vegetariani.
Per esaltare il sapore di questo risotto vi consigliamo di servirlo con un vino bianco fresco e saporito come ad esempio un Vermentino di Sardegna. Il Vermentino è un vino bianco corposo, agile e fresco che sa esaltare le note agrumate di questo risotto grazie al suo complesso armonico e profondo.

Ingredienti per il risotto all’arancia

  • 350 g riso Carnaroli
  • 1 cipolla
  • 50 g burro
  • 1 arancia  biologica
  • 30 g Grana Padano DOP da grattugiare
  • Vino bianco q.b.
  • Erba cipollina tritata 3 cucchiai
  • Sale fino q.b.
  • Pepe bianco q.b.
  • 1 l brodo vegetale

Preparazione

  1. Per preparare il risotto all’arancia, iniziate per prima cosa  lavando l’arancia e prelevandone la buccia con un pelapatate.
  2. Cercate di  asportare il meno possibile la parte bianca (che risulterebbe troppo amara).
  3. Spremete l’arancia e tenete il succo da parte.
  4. Tagliate la scorza asportata in zeste (bastoncini) piuttosto fini.
  5. Prendete i bastoncini ottenuti, metteteli in un tegame con poca acqua  fateli leggermente sbollentare per qualche minuto.
  6. Trascorso il tempo potete scolare le scorze di arancia.
  7. Sbucciate e tritate finemente la cipolla, fatela soffriggere nel burro fuso e aggiungete il riso.
  8. Fate tostare il riso  per qualche minuto; sfumate con uno spruzzo di vino bianco dopodiché aggiungete il succo d’arancia.
  9. Sempre mescolando, portate a termine la cottura del riso aggiungendo poco brodo ogni volta che sarà necessario.
  10. Qualche minuto prima di fine cottura, aggiungete le zeste d’arancia e  l’erba cipollina.
  11. Regolate eventualmente di sale e di pepe bianco macinato.
  12. Una volta spento il fuoco aggiungete il Grana Padano DOP grattugiato e una noce di burro per mantencare.
  13. Servite il vostro riso all’arancia  guarnendo il piatto con fettine e zeste di arancia e a piacere  qualche filo di erba cipollina .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.