Caratteristiche, alimentazione, comportamenti delle scimmiette brasiliane

Caratteristiche, alimentazione, comportamenti delle scimmiette brasiliane


play Ascolta questo articolo

Le scimmiette brasiliane, sono degli esemplari molti curiosi. Intelligenti e simpatiche, mostrano però anche tanti altri aspetti davvero interessanti. Per esempio, il fatto che siano comunque degli animali molto simili all’uomo. Per comportamenti e anche per movenze, come tanti addetti alla materia hanno potuto constatare di propria mano.

Tuttavia, non è propriamente questo il focus sul quale ci si deve concentrare. Infatti, per poter parlare di questo argomento al meglio, è bene conoscerlo a fondo. Facendo dunque sì che ci sia il grado adeguato di informazione necessario per poter così intavolare una discussione degna di questo nome.

Una serie di informazioni di scarsa qualità, potrebbero così portare a dei fraintendimenti. La poca affidabilità delle tante fonti scientifiche che si leggono in rete, purtroppo fa sì che alcuni meccanismi siano condizionati proprio da questo fattore. Ovvero, dal fatto che ciò che si legge non è sempre chiaro ed esaustivo come in realtà dovrebbe essere.

E questo, causa dunque numerose inesattezze. Sia a livello scientifico che a livello di divulgazione, di conseguenza. Parlare di questo argomento nel migliore dei modi, d’altro canto, impone anche dei vincoli di questo tipo. Ovvero, il fatto che ci si possa calare nella parte al meglio, pur senza essere degli esperti di una determinata materia.

Certi discorsi, vanno ovviamente affrontati tramite un’informazione adeguata a sufficienza. Specie se si parla di scimmiette brasiliane, per l’appunto.

Scimmietta brasiliana: caratteristiche

Le scimmie del Brasile, riguardano essenzialmente degli animali di corporatura variabile. Questo, infatti, dipende sempre dal tipo di specie con la quale si ha a che fare nello specifico. Tendenzialmente, come suggerisce appunto il loro nome, sono delle scimmie di piccola statura.

Questo, le rende dunque ancora più curiose agli occhi delle persone. Sicuramente, la loro forma può suggerire nel pubblico di lettori tutta una serie di emozioni e sensazioni differenti. E in effetti, ciò che traspare è proprio questo. Il punto fondamentale della questione, è effettivamente la loro forte specificità in quanto esemplari.

Il loro nome originario, a livello scientifico, è “uistitì“. Si tratta dunque di piccole scimmie, che hanno origine e forma appunto nel territorio esteso del Brasile. Le dimensioni esatte, purtroppo, non sono ben definite nei vari risultati che compaiono sui motori di ricerca.

L’unica caratteristica vera e propria di cui si può avere conoscenza, è quella che riguarda la loro coda. Secondo le varie definizioni trovate in circolazione, la coda delle scimmie brasiliane risulta essere non prensile. Questo fattore, è certamente un fattore positivo, se si considera il fatto che effettivamente è una caratteristica che si adatta perfettamente alla loro statura.

Scimmie Brasile: habitat

L’habitat di queste scimmie, essendo affine al clima del Brasile, è certamente quello che comprende un clima caldo e tendenzialmente anche poco propenso ad alluvioni. Altrove, sicuramente non si sentirebbero a loro agio. E questa, è una tendenza che accomuna numerosi animali, dalle scimmie passando per tante altre specie con esigenze diametralmente opposte.

Ma in realtà, per poter risalire a questa risposta basta appunto concentrarsi sul clima del Brasile. Infatti, il clima ambientale presente nel territorio brasiliano è tendenzialmente suddiviso in tre aree climatiche ben diverse tra di loro. Una prima area che si può identificare, comprende infatti un clima perlopiù equatoriale. Dunque, con numerose precipitazioni lungo il suo fronte primario.

Un altro clima, di natura dunque tropicale, riguarda essenzialmente un clima molto più secco e arido. Un clima dove il caldo la fa da padrona, sostanzialmente. Per quanto concerne invece l’estremo sud, si può avere un clima molto più nostrano.

Dunque, un clima che con le scimmiette brasiliane si potrebbe sposare molto bene: estati calde e inverni precipitosi. Ciò che li riguarda in prima persona, potrebbe essere appunto proprio questo principio ben preciso. Ovvero, quello che riguarda un clima equilibrato sotto vari punti di vista.

Cosa mangiano e comportamenti

I comportamenti sociali delle scimmiette brasiliane, non sono facili da identificare. Questo, poiché sul web esiste poca documentazione utile a riguardo. E quella che c’è, non è detto che sia affidabile per forza di cose. La mancanza di elementi autentici, in tal senso, potrebbe risultare dunque un concreto ostacolo per coloro che si vogliono informare nella maniera corretta.

Nel corso del paragrafo introduttivo, in ogni caso, si è detto giustamente come le scimmie abbiano dei tratti distintivi che li accomunano fortemente all’uomo. Ebbene, nel caso specifico di questi esemplari si hanno addirittura dei lati tradizionali, presenti in ognuno di noi fin dalla nascita.

Dunque, un qualcosa che si tramanda dagli antenati passando per i discendenti più giovani di ogni stirpe. Un fattore fortemente umano, in sostanza. Il fatto che usino degli utensili, per esempio, è sicuramente un fattore fortemente comune (se non identico) a quello delle prime specie di essere umano che sono state rivenute nella storia millenni e millenni fa.

Tuttavia, benché una stima sul loro comportamento sia possibile da effettuare, non si può dire lo stesso per la loro alimentazione. Ciò che li riguarda, infatti, è che l’alimentazione delle scimmie sia ben diversa. Dunque, perlomeno in questo caso, è bene non lasciarsi trascinare da conclusioni affrettate. Questo, onde evitare problemi di qualsiasi tipologia.

Perché rischiano l’estinzione?

Un altro gande problema a cui bisogna badare certamente, è quello che riguarda la loro estinzione. Le scimmiette brasiliane, in effetti, ne sono costantemente esposte. Questo rischio, diventa poi concreto nel momento in cui si fa un parallelismo adeguato con le condizioni climatiche attuali.

Questo tratto distintivo, di fatti, è causa di una mutazione climatica che ancora oggi sta conoscendo un insperato sviluppo che sembra non avere una fine. Né tantomeno dei mezzi di arresto efficaci, di conseguenza. I tanti cambiamenti climatici, stanno dunque esponendo tanti animali ad un concreto rischio di estinzione.

Benché numerose istituzioni in tal senso facciano la voce grossa, sembra che ormai sia tardi per poter apportare chissà quali modifiche consistenti. L’unica cosa da fare, è provare a limitare i danni, per far sì che sempre più animali si possano salvare da questo futuro esodo di specie.

Il fatto che le scimmie del Brasile siano adatte ad un certo tipo di clima, le rende di conseguenza fortemente correlate a questo ambiente. E se questo principio vitale dovesse venir meno, si potrebbero avere numerosi problemi in tal senso. Facendo dunque sì che si possano trovare in difficoltà. Trasferirle dal loro habitat naturale, non è dunque una pratica da mettere in atto.

Altre specie che seppur non esposte ad alcun rischio sono comunque esposte ad una condizione fatale, sono anche gli animali domestici. In questo caso, tuttavia, i vari programmi di adozione presenti offline così come online possono essere un’ottima alternativa per prevenire ogni eventuale disastro.