Caratteristiche, alimentazione, comportamenti delle scimmiette brasiliane

Caratteristiche, alimentazione, comportamenti delle scimmiette brasiliane


play Ascolta questo articolo

Le scimmette brasiliane, vengono chiamate scimmiette per le loro dimensioni e per il loro aspetto simpatico. Appartengono tutte al genere dei Callicebus e sono animali prettamente diurni.

La loro presenza si segnala nella foresta pluviale amazzonica in particolar modo e, possiamo già delineare il loro temperamento: molto socievoli e sono solite interagire con l’essere umano; infatti, sono una delle attrazioni principali quando ci si reca nei posti che le ospitano. Spesso, però, vengono allontanate perché si ha paura o per un senso di diffidenza. Scopriamo insieme questi animali.

Scimmiette brasiliane: caratteristiche

Il termine che viene utilizzato per riferirsi alle scimmiette brasiliane è “finger monkey”, termine sostitutivo preso in prestito dalla lingua inglese. Questa scimmia, se pur all’interno del nome ci sia già la provenienza ovvero il Brasile, in realtà è presente anche in altre parti del mondo come, ad esempio, in Ecuador orientale, in Honduras, in Costa Rica ma anche in Paraguay, nella Bolivia settentrionale e nel Perù dell’est.

Ci sono delle peculiarità che le rendono riconoscibili tra tutte le altre scimmie. Infatti, sono “compatte”, misurano dai 14 ai 16 centimetri di lunghezza; il loro peso, ad esempio le femmine di scimmietta brasiliana pesano all’incirca 120 grammi, le rende agili, scattanti e iperattive.

Si distinguono da altre scimmie grazie anche ad altre caratteristiche fisiche, come ad esempio la coda che è molto particolare: è lunga ed è di una colorazione tendente all’arancione; hanno delle basette ocra e il pelo è notevolmente lucente. Sempre per quanto riguarda la coda, quella di alcune scimmiette misura addirittura un metro.

Scimmie Brasile: habitat

L’habitat preferito da questi simpatici e a tratti buffi animali sono le grandi foreste pluviali. La loro vita si svolge prevalentemente sugli alberi dove, appunto, trascorrono la maggior parte della loro giornata. Vivono tendenzialmente in gruppo come se fossero tutti membri di una grande famiglia allargata, questo è possibile grazie anche al loro temperamento amichevole.

Inoltre, una caratteristica molto interessante si rintraccia nella comunicazione. Infatti, è stato scoperto che le scimmiette brasiliane sono in grado di farsi sentire e comunicare anche a distanze notevoli utilizzando delle particolari e strutturate vocalizzazioni.

Scimmiette brasiliane, cosa mangiano e comportamenti

Per quanto riguarda il comportamento della scimmietta del Brasile, come già accennato nei paragrafi precedenti, è molto socievole e amichevole. Infatti, attirano tantissimi turisti da diverse parti del mondo, grazie anche al loro aspetto estetico che le rende molto affabili e simpatiche.

Questo, però, ha anche generato un effetto negativo e cioè l’isteria della gente che ha voglia di convertire queste scimmiette, ben insediate nel proprio habitat con il proprio clima, a scimmie da appartamento. Inoltre, a causa anche dell’intenso bracconaggio, questa specie è a rischio estinzione, questione che affronteremo a breve.

Per quanto riguarda l’alimentazione, la scimmia del Brasile si ciba principalmente di frutta, per soddisfare il fabbisogno di vitamine e fibre; di insetti e farfalle. È evidente come la loro dieta sia nettamente differente da quella di altre scimmie.

Però, qualora questi alimenti non dovessero essere disponibili, ricorrono alla linfa presente negli alberi, in particolare della resina della Tapirira guianensis, una pianta particolarmente sostanziosa. Per legarci al comportamento, seguendo il filo dell’alimentazione, le scimmiette non amano particolarmente il gioco, sono poco reattive in tal senso, perché la loro digestione è piuttosto complessa per cui sono meno portate a pratiche ludiche.

A causa di un altro problema, legato anche al paragrafo dell’habitat, ovvero la deforestazione, le scimmie del Brasile sono costrette a spostarsi e a riadattarsi anche velocemente per sopravvivere. Per questo, a volte si spingono fino ai centri abitati per procurarsi del cibo. La loro vita ha una media di 15 anni.

Perché rischiano l’estinzione?

Le scimmiette del Brasile sono ufficialmente a rischio estinzione, motivo per cui il lavoro della protezione animale si sta intensificando sempre di più durante gli anni. La causa principale è legata principalmente all’uomo e alla sua attività nociva e irrispettosa nei confronti del loro habitat naturale, come abbiamo appena detto si è verificato e continua a verificarsi un disboscamento selvaggio di ampie porzioni del territorio.

Questo causa inevitabilmente un grande pericolo e tante difficoltà per la sopravvivenza delle scimmiette. Inoltre, c’è anche un’altra motivazione che è legata agli innumerevoli episodi di incendi dolosi che si verificano in Amazzonia. Questo costringe le scimmie a emigrare dal polmone verde per spostarsi altrove, a volte anche in luoghi non del tutto coerenti con le proprie esigenze sia alimentari sia climatiche.

Infine, una problematica deplorevole che aumenta il rischio estinzione è sempre riconducibile all’uomo e si riferisce alla pratica del commercio illegale. Purtroppo, è molto diffuso. Le scimmiette non sono animali domestici, ma la sete di egoismo dell’uomo non ha confini.