Registrazioni terremoti: ecco come si leggono

Registrazioni terremoti: ecco come si leggono


play Ascolta questo articolo

Le registrazioni dei terremoti, avvengono per un motivo ben preciso: far capire alle persone la posizione esatta dei fenomeni sismici. I cittadini, infatti, a questo proposito devono sempre essere ben informati riguardo tutto quello che succede. Questo, poiché si potrebbero accidentalmente trovare nella posizione sbagliata al momento sbagliato.

Ad ogni modo, quanto avviene in questi report non è sempre comprensibile. Come detto nel corso di altri appuntamenti inerenti a questo argomento, infatti, la sismologia è una materia estremamente complessa. Di conseguenza, può essere compresa solamente da coloro che si occupano di certe tematiche in modo approfondito.

La formazione accademica, in tal senso, è praticamente obbligatoria. Senza, non si può infatti pretendere di avere una visione corretta riguardo ciò che accade al seguito di determinati eventi. A questo proposito ben preciso, nel corso del prossimo paragrafo cercheremo di dare uno sguardo più introspettivo alla materia della sismologia.

Tra cenni storici e nozioni scientifiche, frutto di informazione attendibile, ci faremo largo in un tema che non lascia spazio ad interpretazioni arbitrarie. Ma bensì, solo ed esclusivamente a teorie scientifiche appurate, oltre che dimostrabili di conseguenza.

Nel prossimo paragrafo, ad ogni modo, saremo sicuramente in grado di ottenere maggiori delucidazioni in merito a quanto potuto notare.

Registrazioni terremoti, di quale campo fanno parte?

Il database tracciabile in cui sono contenuti tutti i principali fenomeni sismici, fa ovviamente parte del campo della sismologia. Come recita la stessa parola, questa scienza particolare si occupa di studiare tutti i fenomeni sismici che sono appunto legati a scosse terrene, terremoti e tanto altro ancora. Essendo una scienza basata su dei principi solidi, la sua applicazione segue di conseguenza delle regole molto schematiche. Regole che a loro volta, sono piuttosto precise di per sé.

Coloro che studiano questa scienza, si formano dunque come esperti del settore, attribuendo alla materia un contributo a dir poco soddisfacente. Il macro-settore in cui ci si trova, quando si parla di sismologia, è quello della geofisica. A sua volta, in questo grande ambito di natura scientifica si studia il modus operandi esatto in cui si propagano le varie onde d’urto. Le suddette onde, come si può studiare dalla materia in questione, esercitano una forza elastica nel corso del loro movimento.

E naturalmente, come detto in precedenza, possono generare delle scosse che a loro volta possono essere più o meno forti. Il tutto, dipende dalla forza che viene rilevata tramite le apposite apparecchiature utilizzate. Questo discorso, verrà approfondito nel corso del prossimo paragrafo, che vedremo a breve.

Come si misurano i terremoti?

Nelle registrazioni dei terremoti, che si possono a loro volta leggere solamente se si è in possesso di determinate competenze, ci sono scritte delle varie informazioni. Tra queste, sicuramente le più importanti sono quelle che riguardano la portata di questo fenomeno. I fenomeni correlati ai terremoti, vengono a loro volta rivelati da uno strumento molto particolare, che conosciamo col nome di sismografo.

A livello pratico, lo strumento citato funziona nel modo seguente. Lo strumento citato, munito di un pennino apposito, in caso di vibrazione inizia a fare degli evidenti segni a zig zag su un foglio sottostante. Così facendo, si può arrivare a capire che più i segni sono lontani, più il terremoto è di forte intensità.

Questo metodo, dunque, è particolarmente efficace anche per coloro che non sono poi così tanto affini a queste tematiche. Ma ovviamente, in questo caso vale l’argomento di cui si è parlato prima. Se non si conosce a fondo la materia, infatti, tutto ciò di cui si può parlare è solamente una serie di ipotesi e teorie non confermate.

Teorie che, parlando di terremoti e altre calamità naturali del genere, devono invece avere al di sotto di sé una solida base scientifica. Altrimenti, tutto ciò non avrebbe alcun senso nel concreto.