Moto: i dubbi e le paure di Valentino Rossi

Moto: i dubbi e le paure di Valentino Rossi

Lascio o non lascio. Sono giornate importanti e di grandi decisioni per Valentino Rossi, che oggi è tornato alla ribalta nella presentazione ufficiale della Yamaha a Sepang, in Malesia. Mentre la sua fidanzata Francesca Sofia Novello si appresta al debutto sul palco dell’Ariston di Sanremo, il mito delle due ruote sta per salire su quello della MotoGP per i primi test (da domani a domenica) della stagione che scatterà l’8 marzo col GP del Qatar. E che potrebbe essere la sua ultima nel Mondiale.

In mezzo il 41° compleanno, che festeggerà il 16 febbraio. Dopo San Valentino. Per Rossi numeri che non cambiano la voglia di gareggiare, per molti inevitabilmente un ostacolo. Anche la Yamaha ha fatto le sue scelte pensando al futuro. Senza Valentino. Pochi giorni fa ha annunciato con clamoroso anticipo che dal 2021 sulle due moto ufficiali della Casa giapponese di saranno lo spagnolo Maverick Vinales e il francese Fabio Quartararo. Due giovani.

Chi si aspettava di vedere un Valentino Rossi arrabbiato a Sepang s’è sbagliato. La Yamaha ha preso una decisione e non mi ha mancato di rispetto. A fare la differenza sono i risultati e quelli di Quartararo e Maverick sono stati migliori dei miei. Però mi hanno detto che se continuerò avrò una terza moto ufficiale. Insomma, sono padrone del mio destino>.

Rossi sfoglierà la margherita fino all’estate, quando annuncerà la sua scelta: smettere o continuare. L’unica cosa che mi dà goduria è guidare la moto. Sarebbe anche bello smettere andando molto forte, ma sono sicuro che la MotoGP mi mancherebbe moltissimo, quindi se sarò competitivo vorrei rimanere.

La destinazione con molta probabilità sarà il Team Petronas, sempre con la Yamaha. In questo momento ci corrono Quartararo e Franco Morbidelli, uno dei pupilli di Rossi e della sua Riders Adademy VR46, ma molte voci ci vedono il ritorno definitivo di Jorge Lorenzo, che dopo aver annunciato a novembre il ritiro dalle gare ha appena firmato un contratto come collaudatore della Yamaha. E c’è pure l’ipotesi Luca Marini, il fratello (stessa madre, padre diverso) di Valentino che gareggia in Moto2. Preferirei Franco – afferma Valentino. Si parla di Jorge e sarebbe bello rifare la coppia come in passato, ma Morbidelli si merita di più quel posto. Insomma, nel suo destino c’è, inevitabilmente, il sapere che ogni sua decisione avrà un effetto sui giovani. Lascerà davvero spazio a loro?