Gechi: animali utili e bellissimi

Gechi: animali utili e bellissimi


play Ascolta questo articolo

Non tutti sanno che i gechi sono animali utili, nei primi periodi caldi è possibile trovare con facilità, all’esterno di casa nostra, un geco attaccato al muro.

Con le finestre aperte inoltre può esserci la possibilità che entri in casa e che si infili in ogni piccolo anfratto ospitale e caldo.

Chi ha un terrario o un recinto per tartarughe infatti può trovarli spesso al loro interno, in particolare dentro le casette, dove la temperatura è più calda e c’è più umidità.

In molti si chiedono se possano essere un pericolo per noi o per i nostri rettili domestici, ma c’è da stare tranquilli.

Infatti, contrariamente da ciò che si crede, non è vero che il geco è velenoso o pericoloso: i gechi sono rettili completamente innocui ed anche estremamente utili.

I gechi animali utili: le loro caratteristiche

Il geco è un animale appartenente alla specie dei rettili, un parente molto stretto della lucertola.

Le dimensioni variano dai 12 ai 18 centimetri, compreso di coda, e il maschio solitamente tende a essere più lungo della femmina.

Il geco ha la testa un po’ più grande rispetto al resto del corpo, col muso lievemente appuntito e gli occhi rotondi.

Per proteggere e pulire quest’ultimi, essendo senza palpebre, lecca in continuazione la membrana trasparente che li ricopre.

La pelle ruvida e bitorzoluta è solitamente color grigia, ma nei paesi più caldi può essere anche maculata e addirittura variopinta.

Una particolarità del geco è che è in grado di cambiare colore per riuscire a sfuggire ai predatori e, proprio come le lucertole, può staccare volontariamente la parte finale della sua coda.

Con il suo corpo appiattito e robusto è in grado di infilarsi in piccolissimi anfratti, dove solitamente passa l’inverno a dormire, per proteggersi dalle temperature fredde.

È estremamente veloce e ha capacità di arrampicata grazie a dei cuscinetti ricoperti di peli che ha sulle zampe e che generano forze attrattive magnetiche, come fossero calamite, su qualsiasi parete tranne il teflon.

Infine il geco è in grado di emettere suoni, ben udibili anche per gli esseri umani, che utilizza per socializzare con gli altri individui o comunicare.

Gechi animali utili: cosa mangiano

Il geco, come accennato, è un animale molto utile e che se trovato in casa può portare solo benefici grazie alla sua alimentazione.

Il geco infatti è estremamente vorace di insetti.

A volte si nutre anche di formiche, alate o non, e piccoli invertebrati, ma le sue prede preferite sono zanzare, mosche, ragni, scarafaggi e falene.

Un solo geco può arrivare a mangiare fino a duemila zanzare in una sola notte, perciò avere uno di questi piccoli rettili in casa ci sarà estremamente utile perché sarà in grado di liberarci totalmente della presenza degli insetti fastidiosi.

Molto golosi, a volte possono nutrirsi anche di nettare e frutta, tutto in preparazione dell’inverno dove avranno molte meno occasioni di uscire a procacciare il cibo, visto che con le temperature fredde preferiscono rifugiarsi in anfratti e dormire (ma non si tratta di un reale letargo).

Cosa fare se è in casa

Il geco è assolutamente innocuo, non è velenoso, né aggressivo (se minacciato cercherà piuttosto di scappare) e può mordere solo se estremamente spaventato e senza vie di fuga, ma in ogni caso il morso non è doloroso.

In molti però lo considerano comunque spaventoso, o potrebbe essere pericoloso per lui restare dentro casa nel caso abbiamo animali domestici, perciò si rivela necessario allontanarlo.

Non è necessario ucciderlo, quindi, ma esistono modi per farlo uscire in maniera totalmente sicura.

Un metodo più paziente può essere quello di lasciare uno spiraglio aperto della finestra e aspettare, il geco non ha motivo di restare dove ritiene sia pericoloso (spaventato da voi e i vostri animali) e dove non può trovare cibo.

Per convincerlo ad uscire è possibile usare un po’ di naftalina, spargendola qua e là l’odore spingerà il geco ad allontanarsi.

Inoltre il geco non sopporta l’acqua, basterà perciò nebulizzarne un pochino su di lui per convincerlo a fuggire via, magari provando a direzionare la sua corsa verso la finestra chiudendogli le vie di fuga laterali.

Se siete abbastanza veloci potete provare a intrappolarlo in un contenitore o un retino e accompagnarlo gentilmente fuori, ma non sarà semplice vista la sua estrema velocità.

Altre curiosità

Il geco è considerato un animale portafortuna in moltissime culture, forse grazie alla sua capacità di liberarsi di insetti fastidiosi e talvolta anche pericolosi.

È uno dei pochi rettili in grado di emettere suoni e non è raro sentirlo “cantare” durante le notti d’estate, soprattutto se bloccato in qualche anfratto di casa nostra.

Infine, il geco è in grado di riprodursi per partenogenesi, ovvero senza l’ausilio di un secondo partner e senza accoppiamento, e questo è il motivo per il quale è così diffuso.