Quali sono le caratteristiche del Frisone

Quali sono le caratteristiche del Frisone


play Ascolta questo articolo

Il cavallo Frisone è la razza più famosa e affascinante tra quelle della sua specie.

Con il caratteristico manto nero e la criniera ondulata, ad oggi è usato molto soprattutto nei dressage e negli spettacoli equestri.

Trasmette nobiltà, tanto da essere la razza utilizzata principalmente per trainare la carrozza della famiglia reale dei Paesi Bassi, paese di cui oltretutto è originario.

Il Frisone nero è uno dei cavalli più antichi tra quelli in Europa, ha allevamenti ovunque ed è straordinariamente diffuso, oltre che molto ricercato.

Nonostante il portamento nobile, è molto docile ed affettuoso, e va d’accordo anche con altri animali come cani e gatti, purché si presti attenzione al momento delle “presentazioni”.

Se si sta pensando quindi di adottare un cane, o aggiungere un cavallo Frisone al nostro allevamento e si ha già altri cani e gatti, fate in modo di essere presenti al momento della conoscenza e cercare di tranquillizzare entrambi.

In questo modo potremmo stare sicuri in una convivenza non solo pacifica, ma addirittura d’amicizia.

Cavalli frisoni: quali sono le origini

Il cavallo Frisone ha origine nei Paesi Bassi, in maniera specifica a Frisia, come ci suggerisce il suo nome.

La razza pare avere più di tremila anni e abbiamo testimonianze della sua presenza già in epoca romana, dove veniva usato per il lavoro nei campi.

Durante il medioevo però la sua applicazione è cambiata: grazie alla sua grande resistenza e potenza muscolare viene ritenuto ottimo sui campi di battaglia e per questo utilizzato in guerra.

Era infatti in grado di resistere tranquillamente a lunghe ore di cammino con sulle spalle il carico del cavaliere e della sua armatura.

Nel XVI secolo il Frisone arrivò anche in Spagna e venne fatto unire ad altre razze, creando degli ibridi più snelli e fluidi nei movimenti.

Divenne perciò il prediletto nelle parate e nel trasporto dei cannoni, mentre nel resto del mondo continuava la sua espansione anche in altri paesi.

Nel XVII secolo venne adottato anche dalle truppe francesi, affascinati dal suo portamento nobile e dal suo trotto sostenuto, caratteristica che portò molto allevatori del tempo a cercare di migliorare questa sua caratteristica anche con altri incroci.

I cavalli di razza Frisone però vennero incrociati talmente tanto con altre che alla fine si rischiò di perdere del tutto la sua originalità e di snaturarlo.

Alla fine del 1800 perciò un gruppo di allevatori decise di fermare questo continuo rimescolamento della razza e cominciò ad allevare Frisoni puri, selezionandoli accuratamente, con l’intenzione di ripopolare l’originale cavallo Frisone nero.

All’inizio non fu semplice, visto il numero esiguo di individui, ma nella seconda guerra mondiale la scarsità di mezzi di trasporto portò di nuovo ad aver bisogno di cavalli, gli allevamenti vennero sostenuti e il ripopolamento del Frisone divenne finalmente realtà.

Quali sono le caratteristiche dei cavalli frisone

La caratteristica principale del Frisone, oltre che il suo manto nero e la lunga criniera riccioluta, è la sua possenza.

Ha una grossa muscolatura, è massiccio, robusto e molto resistente, cosa che gli ha donato nel tempo una fama da cavallo nobile e fiero.

Il cavallo Frisone raggiunge la maturità più tardi rispetto ad altre razze, intorno ai 6 anni, e raggiunge in media un’altezza al garrese di 160 cm per un peso di oltre 500 kg

La testa è massiccia con una lunga criniera, ondulata e folta, anch’essa nera come il manto.

Esistono tre tipologie di Frisone:

  • Il barocco, più robusto.
  • Il classico, imponente ma slanciato.
  • Il moderno, più leggero e snello rispetto agli altri due.

Il frisone: carattere

Il carattere del Frisone rispecchia in parte il suo aspetto.

È un cavallo forte, a cui piace l’indipendenza, ma non per questo disprezza la compagnia del padrone o di altri animali.

È molto vivace, allegro e disponibile, con un indole infaticabile e determinata.

Il cavallo Frisone infatti è stato il più utilizzato nella storia durante le battaglie e le guerre, proprio per via di questo suo animo instancabile, il corpo robusto ma anche pieno di energie.

Non per questo incontrollabile, tende ad essere molto mite quando è in tranquillità, ma non teme la fatica e diventa facilmente disponibile e allegro.

Frisone: allevamenti e prezzi

Nonostante sia di origine olandesi, il Frisone è comunque molto diffuso in tutta Europa e si trovano allevamenti anche in Italia, soprattutto nel centro-nord.

I più famosi sono quelli in Emilia-Romagna e quello di Siena, a Montepulciano.

Il prezzo di un esemplare può variare molto in base al sesso, l’età e molte delle sue caratteristiche fisiche e comportamentali, oltre che l’allevamento e la zona in cui si trova.

In media comunque si possono trovare Cavalli Frisoni a circa mille euro.