Branchi di lupi: cosa sapere

Branchi di lupi: cosa sapere


play Ascolta questo articolo

I branchi di lupi, fieri e spaventosi, da sempre hanno fatto parte del nostro immaginario come creature a cui portare rispetto, ma anche come predatori da temere.

Ad oggi la popolazione del lupo è una specie protetta, tanto che dal 1972 è diventato il simbolo delle battaglie per la conservazione del WWF in Italia.

Il motivo dietro la sua lenta scomparsa è legato principalmente all’uccisione da parte dell’uomo, per impedire la loro predazione del bestiame o perché spaventati dalla presenza di branchi di lupi nei nostri boschi.

Ma in verità il lupo non è assolutamente un pericolo per l’uomo, tant’è che l’ultimo attacco risale essere avvenuto nel 1825 quando la custodia dei greggi era affidata a bambini di 4-5 anni, mentre si registra invece ogni anno circa 70 mila aggressioni da parte di cani domestici, solo in Italia.

Parenti dei lupi, nei cani possiamo vedere infatti alcune delle indoli tipiche del suo cugino selvatico, tra cui l’istinto gregario e quello di protezione del proprio territorio e del branco.

Ma l’abitudine al contatto umano ha portato il cane ad avere molta meno paura della nostra presenza ed essere quindi più invogliato ad attaccare quando si sente minacciato, piuttosto che scappare come preferiscono fare i lupi.

Questo ci fa capire quanto poco l’essere umano conosca veramente questo animale.

Tipologie di lupi

Siamo abituati ad associare alla parola lupo un solo tipo, ma in verità ne esistono molte varietà e sottospecie.

Canis lupus

Il comune lupo grigio è quello più conosciuto.

Vive principalmente in branchi e all’interno di questa specie è possibile individuare almeno 20 sottospecie, diffuse principalmente in America ed Eurasia.

  • Lupo iberico.
  • Lupo artico.
  • Lupo arabo.
  • Lupo nero.
  • Lupo grigio euroasiatico.
  • Lupo grigio della tundra.
  • Lupo messicano.
  • Lupo dell’isola di Baffin.
  • Lupo dello Yukon.
  • Dingo.
  • Lupo di Vancouver.
  • Lupo grigio nordoccidentale.

Canis rufus

Chiamato comunemente lupo rosso, vive in alcune zone del Messico, Stati Uniti e Canada.

È in pericolo di estinzione a causa dell’intervento dell’uomo che ha eliminato parte dei suoi habitat e molte specie animali che fanno tipicamente parte dell’alimentazione del lupo.

Il suo manto è a macchie rosse, grigie e gialle e pesa intorno ai 35 kg.

Canis anthus

Il lupo africano vive in zone semidesertiche, abituato ai climi aridi e caldi, anche se preferisce comunque vivere vicino a delle fonti d’acqua.

È il più piccolo della specie, pesa circa 15 kg, e ha il manto color sabbia su zampe e addome e una colorazione scura invece su coda e dorso.

Canis indica

Il lupo grigio indiano è tipico di Pakistan, India, Israele e Arabia Saudita.

Ha un manto color fulvo o rossiccio che gli permette di mimetizzarsi nelle zone semidesertiche, dove vive.

Ha un aspetto molto asciutto e snello, pesando circa 30 kg.

Canis lycaon

Conosciuto come lupo orientale, vive nella zona sud-est del Canada, si alimenta di piccoli animali e ad oggi è una specie in via d’estinzione a causa della distruzione del suo territorio.

Ha il manto ispido a macchie sia nere che chiare.

Canis himalayensis

Lupo himalayano, vive nelle zone del Nepal e India del nord.

Ha il pelo ispido, color chiaro, è piccolo, magro e vive in piccoli branchi.

Com’è la composizione sociale dei branchi di lupi

Il lupo è un animale sociale, se non per qualche eccezione nelle sottospecie.

Il gruppo sociale è il branco, composto generalmente da 2 fino a 8 individui, ognuno dei quali ha un compito specifico e una posizione in una gerarchia molto rigida.

Di solito il branco di lupi è formato da due fondatori riproduttivi e i loro cuccioli, che restano nel branco anche da adulti, più qualche esemplare gregario.

Vivendo e cacciando in branco, hanno sviluppato una capacità comunicativa molto forte, basata sulla mimica del muso e i movimenti del corpo.

Come sono divisi i compiti

L’appartenenza al branco è di vitale importanza per i lupi, chi resta escluso è destinato a morire di stenti.

Per questo la gerarchia all’interno del branco viene rigidamente rispettata, per riuscire ad avere un ordine e poter sopravvivere.

All’interno del branco troviamo i cosiddetti membri alpha, ovvero la coppia dominante, che comandano l’intero branco.

Hanno un atteggiamento da leader, sono riconoscibili da che altezza tengono la coda e le orecchie, più elevate rispetto agli altri membri, e hanno il privilegio di poter accedere alle prede per primi.

Sotto di loro c’è uno o due individui chiamati beta, che hanno potere e comandano sui lupi di medio e basso rango.

Gli altri sono considerati lupi di medio rango e, sotto ancora, gli omega, i lupi di basso rango.

La vita degli omega non è semplice, dovendo sottostare a tutti gli altri, non hanno considerazione dagli altri membri del branco e hanno diritto solo di promuovere il gioco o calmare gli animi in caso di litigio.